Home TEMPO LIBERO Un gita fuori porta? A Sambuci c’è la Festa della Polenta

Un gita fuori porta? A Sambuci c’è la Festa della Polenta

polenta

Sorge a 434 metri sul livello del mare, all’interno del territorio dei monti Prenestini e secondo notizie storiche ben accertate, deve il suo nome alle piante di sambuco che in passato dovettero abbondare sul colle sul quale sorge e nelle pianure sottostanti.

Parliamo di Sambuci, un piccolo paese che si trova in provincia di Roma, molto facile da raggiungere con l’autostrada A 24 Roma-l’Aquila, uscita Castel Madama. In alternativa è anche consigliabile l’uscita Vicovaro Mandela della stessa autostrada, proseguire poi a sinistra seguendo le indicazioni.
Da Roma Nord, ipotizzando di partire da Ponte Milvio, sono solo 56 chilometri percorribili in circa un’ora.

L’origine di Sambuci è legata, come quella di molti altri paesi della valle dell’Aniene, all’affermarsi dell’ordine Benedettino nel Lazio e in particolare alla storia dell’abbazia Sublacense. La prima notizia documentata di un insediamento nella zona in cui oggi sorge Sambuci è infatti il General Privilegio con cui il Papa Nicolò I confermava all’abate Leone di Subiaco tutti i beni del monastero e tra questi anche “Sambucicum ecclesia sancti thomae in desertis posita“. Il privilegio è collocabile tra 858 e 867 d.c., anni del pontificato di Nicolò I.

Qui a Sambuci,  piccolo paese che con la sua storia millenaria e con il suo pittorico Borgo medievale incanta i molti turisti di passaggio, sabato 26 e domenica 27 ottobre, nel contesto di Piazza di Corte nel Parco Theodoli, si terrà la Festa della Polenta.

In questi due giorno (sabato dalle 18 e domenica dalle 12) sarà possibile degustare la speciale Polenta di Sambuci, preparata secondo la tradizione contadina con la farina di granturco dei campi di Sambuci e cotta lentamente dentro i grandi paioli in rame.

La polenta sarà accompagnata da un prelibato sugo con spuntature e salsicce, proprio come già in epoca medievale i contadini amavano fare nelle occasioni speciali, ma in alternativa sarà possibile scegliere anche un condimento più semplice con sugo e funghi porcini.

Il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino rosso. Non mancheranno inoltre nell’offerta gastronomica dell’iniziativa panini farciti e dolci tipici della tradizione di Sambuci.

La Festa della Polenta di Sambuci rappresenta un appuntamento imperdibile non solo per gli amanti della buona tavola ma per tutti coloro che amano trascorrere il tempo libero del fine settimana in gite fuori porta, magari alla scoperta di luoghi inesplorati come il Castello Theodoli che per l’occasione apre le sue porte al pubblico.

La Festa della Polenta offre l’occasione anche di dedicarsi ad una passeggiata tra le vie di Sambuci che proprio negli stessi giorni celebra il Santo Patrono, S. Celso Martire, le cui reliquie sono conservate nella Chiesa di S. Pietro nella parte alta del paese. Un servizio navetta dedicato consentirà ai visitatori di spostarsi senza disagi all’interno del Comune.

Gaia Azzali

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome