Home ARTE E CULTURA Uno sguardo al 2010 vissuto a Roma Nord

Uno sguardo al 2010 vissuto a Roma Nord

Un insolito vernacolo di VignaClarablog.it ripercorre fatti e notizie locali del 2010. Dodici quartine in stretto romanesco ognuna delle quali corrisponde ad un nostro articolo che, a sensazione del nostro vernacoliere, Sor Berti, ha caratterizzato il mese in cui è stato pubblicato. Uno sguardo al recente passato mentre prende il via un nuovo anno che tutti auspicano essere diverso: in meglio.

GENNARO

Fa la comparza sua puro er pizzardone appiedato,
che le sole se conzuma fra Labbaro a Prima Porta;
segnala caciare e zuffe: er cittadino sarà rincorato?
In ogni caso, ‘sto lavoro pe’ smagrisse è ‘na svorta! (Er pizzardone de prossimità)

FEBBRARO

E nun se pò dì che er municipio nun sii trasparente:
a squagliasse li concijeri nostri sò propio cristallini;
e le sedute addiventeno arzate accosì rapidamente
che azzionate lassa le quattro frecce sor Giacomini. (Trasparenza, de te famo senza)

MARZO

Sor Cajo, ecco le penziline de urtima generazzione,
bianche e acchittate co’ tecnologgia guasi spazziale;
destra, centro e sinistra: è ‘n’antra ghiotta occasione
pe’ appicicacce de straforo la reclamme elettorale!  (Penziline nove a Saxa Rubra)

APRILE

Si l’AMA nun ama troppo la sepportura de Nerone,
s’armamo noantri de ramazze, questa è ‘na certezza;
pulimo la strada e strappamo l’inzolente vegettazione
e pe’ un poco vivemo finarmente senza la monnezza. (Retake Tomba de Nerone)

MAGGIO

A la Tomba de Nerone er cancello arimane chiuso,
‘na decisione repentina, diremmo “cotta e magnata”.
Er cittadino nun è contento, Robbin Hood è deluso:
da la Cassia mica se pò entrà drento l’Insugherata! (Chiusa l’Insugherata)

GIUGNO

E nun sò mica finite le proposte pe’ la nostra estate:
giochi de società drento seminterrati e pe’ li cunicoli
e infino a notte fonna feste danzanti e ricche grigliate!
Indove? A l’ombra der Colosseo? No, a via Gradoli. (La movida de via Gradoli)

LUJO

Aritorna a dì la sua, a fà sentì la voce, sor Presidente,
che una cosa sortanto chiede a l’esasperato cittadino:
de aspettà quarche mesata e de nun esse impazziente,
che nun dimanni certificati, ma cornetto e cappuccino! (ufficio pubblico? no, bar)

AGOSTO

Quarchiduno s’è penzato adatto a dispenzà saviezza
e dinnanzi l’imbasciata accroccheno er tappeto rosso.
Ciumachelle nostre, ce pija un momento d’amarezza
vedè che pe’ ‘na limosina v’affollate a più non posso. (Tutte a lezzione da Gheddafi)

SETTEMBRE

In via Volusia da quattro mesi li cittadini sò evacuati,
de ‘sta spiacevole situazzione te volevo rende edotto;
cinquantuno, ottantuno e ottantatrè li civici interessati:
ma che je se risponne? De imbroccà un terno al lotto? (L’ANAS e via Volusia)

OTTOBRE

Cassonetti strapieni, strapittati e cassonetti mancanti,
cassonetti che fanno da soggiorno, co’ li divani rossi;
cassonetti cabrio, in sempiterno zozzi e maleodoranti,
mò l’urtimissimo grido: cassonetti cristiano ortodossi! (Li cassonetti de monzignore)

NOVEMBRE

Er doppio senzo nun sfaciola mica a l’amministratori:
è sinonimo de equivico, bono solo pe’ fà confusione;
a spiegallo però annassero a tutti quei bestemmiatori
che a Corzo Francia guideno e sfileno in pricessióne. (Senzo unico senza senzo)

DICEMBRE

“Donne: è arivato er sor Ponte Mollo co’ la toretta!
Si la machinetta vostra fà fumo e spaccià la volete,
er sor Ponte Mollo ve piazza la vostra machinetta!
Annamo donne, cojete l’attimo e subbito accorete!” (Aridatece Ponte Mollo!)

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome