Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 17 ottobre

Li sette giorni der 17 ottobre

Anche oggi sor Giovanni Berti torna a tenervi compagnia per qualche minuto, anzi per sette, quanti ne servono per apprezzare le sue 7 quartine in romanesco relative alle 7 notizie più interessanti degli ultimi 7 giorni. Il risultato della moltiplicazione è semplice, 7x7x7= il Vernacolo di VignaClaraBlog.it, al termine del quale il nostro vernacoliere ha voluto dedicare un suo personale omaggio allo scomparso Angelo Infanti, attore romano caro ai romani.

Tutti li santi giorni pe’ strada a sudasse er salario:
è ‘na vitaccia dura pe’ er sostituto der pizzardone;
sur marciapiedi parcheggia la machina l’ausijario:
la vorta bona pe’ fasse da solo la contestazzione? (smicciate qua)

De aricordacce puro la storia senza vardà l’annali,
la segnaletica pe’ la Flaminia se concede er vezzo:
aritornamo indietro ar 1956, a l’olimpiadi invernali,
eppoi daje sur trampolino pe’ Cortina d’Ampezzo!  (buttate ‘n’occhio)

Equivico, ammiguità, malinteso, cantonata, abbajo:
lo spiattella chiaro e tonno er vocabbolario itajano;
e si aggionti incóra pecoreccio, quiproquo e sbajo,
ecco li sinonimi de doppio senzo, puro a via Riano. (…si c’avete voja…)

C’ha l’acquolina in bocca quanno trancia intere frasi,
sega li periodi a casaccio, taja e scuce senz’ammore;
fateve coraggio, oh cittadine letterate, ce semo guasi:
la polizzia strigne er cerchio intorno a lo sforbiciatore. (date ‘na sbirciata…)

Se vive de pubbliche relazzioni e de annunci strillati,
‘sto monno de noantri vole campà solo d’apparenza;
accosì li pedoni de la Camilluccia se fanno avventati
perchè d’entrambi li marciapiedi l’hanno lassati senza. (daje..clicca qui)

Er comune ce AMA, sembra esse un dato de fatto,
accosì acchitta er novo servizzio co’ gran tempismo; ( leggete prima qua…)
vorrei buttà là ‘na questione, anche si mi paro matto:
è un rifiuto ingombrante l’uffiizzio a via der Podismo? (…eppoi qua)

Ne la via Gradoli se intruppeno cinquanta pizzardoni,
busseno e li documenti arichiedeno a questo e quello,
eppoi dimannano: “scusi, e pe’ ‘sta vorta me perdoni,
ma è stato lei, signo’, a mette lo scocce sur cancello?” (…e durcis in funno…)

Per Angelo Infanti

Veleggia er bianco navicello verso l’orizzonte:
stanno ritto in piedi, affissi er sole scintillante
e te godi finarmente la quiete sopra ar ponte
ner mentre che spira er venticello da levante.

Manuel Fantoni, quello che le diceva grosse,
la scorta de Al Pacino, er picciotto Fabbrizzio,
te conquistavi Magda come se gnente fosse:
strappacce bonumore, ce l’avevi come vizzio!

Chi arigala le risate semina a fonno ner core
e se pò propio dì che nun eri uno come tanti;
e mò che ne te vai indove sfuma ogni dolore,
fai un viaggio maravijoso, sor Angelo Infanti! (leggi qui)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome