Home ATTUALITÀ Ponte Milvio – Via Riano a doppio senso, OK del XX Municipio

Ponte Milvio – Via Riano a doppio senso, OK del XX Municipio

Nella seduta di ieri, lunedi’ 11 ottobre, il Consiglio del XX Municipio si è espresso a maggioranza  a favore dell’introduzione del doppio senso di marcia in via Riano oltre a suggerire altri provvedimenti sulla viabilità locale. Va detto però che non si tratta di una decisione definitiva ma solo dell’espressione di un parere preventivo, propedeutico all’ultima parola che spetterà al VII Dipartimento del Comune di Roma.

La proposta è stata sottoposta all’aula dalla Commissione Mobilità del XX Municipio e trae origine da una richiesta presentata alla stessa da parte della società PPM Srl, proprietaria dell’immobile del centro commerciale di via Riano, e dalla Cooperativa Operatori Mercato di Ponte Milvio. Ambedue hanno portato all’attenzione del Municipio lo stato di particolare sofferenza in cui versano le attività commerciali.

Come già documentato da VignaClaraBlog.it a Giugno 2010, già allora il centro commerciale ed il mercato sembravano, come oggi sono, in agonia. Nei piani superiori 35 operatori commerciali su 40 hanno abbassato la saracinesca nel giro di due anni mentre al piano terra il mercato ortofrutticolo langue seriamente, il tutto nonostante l’istituzione di una fermata ad hoc della linea 188, del parcheggio a raso a costi contenuti e del parcheggio interrato. Ma probabilmente la difficoltà di accedere a via Riano non è stata l’unica causa del flop del Centro Commerciale. Tante invece le concause, alcune riconducibili anche alla gestione come spiegammo nel nostro servizio di qualche mese fa (leggi qui).

Ma PPM ed Operatori, convinti che il rilancio del sito e la rivitalizzazione del mercato  siano strettamente legati ad una modifica della viabilità, hanno presentato alla Commissione Mobilità del Municipio, che lo ha fatto suo, un progetto che prevede:
1. L’istituzione del doppio senso di marcia su via Riano con introduzione del divieto di sosta su ambo i lati;
2. La realizzazione di un parcheggio a raso sulla strada laterale interna di viale Tor di Quinto per recuperare i circa 20 posti auto persi a via Riano;
3. Il restringimento della corsia laterale di viale Tor di Quinto allo scopo di realizzare una corsia “di accumulo” sulla carreggiata principale che consenta, a chi proviene da Ponte Milvio, di svoltare a sinistra;
4. Spostamento verso est del varco di accesso alla corsia interna di viale Tor di Quinto

Tali opere, ovviamente a carico delle casse comunali, secondo gli interessati dovrebbero consentire alle migliaia di potenziali clienti di Roma Nord una migliore fruizione del centro commerciale. Già, ma di quali attività fruire se oggi l’intero centro è in agonia?
Ed allora spunta fuori un grande nome. Nel corso del dibattito in sala Consiglio c’è chi infatti si fa sfuggire una notizia: pare che una grande catena di distribuzione di elettronica ed elettrodomestici sia interessatissima ad acquisire l’intero secondo piano a condizione che la viabilità venga modificata.
Ma c’è di più. Lo afferma il presidente Gianni Giacomini quando dichiara che sono in corso delle serrate trattative affinchè al Municipio venga dato un locale adeguato ad aprire un ufficio anagrafico decentrato, quel tanto sospirato e reclamato ufficio chiesto da anni a gran voce dalla stampa locale, VignaClaraBlog.it in primis – dice il presidente – a beneficio delle decine di migliaia di residenti dell’area di Ponte Milvio, Farnesina, Vigna Clara e Fleming.

Le due cose insieme non sono un do ut des ma solo un modo di far incontrare esigenze pubbliche e private, di far affluire quanti più fruitori possibili al mercato, di rilanciare l’unico centro commerciale di Roma Nord e di creare posti di lavoro. Questi sono i presupposti alla base del consenso espresso dall’intero gruppo PdL e del gruppo misto sulla proposta di modifica alla viabilità e che ha visto invece la netta contrarietà dei gruppi PD e SEL. Questi ultimi non erano affatto convinti che una modifica della viabilità non contestualizzata all’interno di un concreto piano traffico dell’intero quartiere possa essere la giusta panacea per tutti i mali del centro commerciale.

Dopo un lungo ed acceso dibattito si arriva al voto: 17 a favore e 5 contrari. Il Consiglio del XX Municipio esprime dunque parere favorevole alla proposta avanzata dalla società PPM Srl e dalla Cooperativa Operatori Mercato di Ponte Milvio. E’ solo un parere, l’ultima parola spetta ora al VII Dipartimento del Comune di Roma. Solo se sarà positiva via Riano diventerà a doppio senso di marcia.
Sull’argomento tutti hanno detto quindi di tutto ma manca ancora il parere più importante: i residenti cosa ne pensano?

Claudio Cafasso

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

 

 

Visita la nostra pagina di Facebook

18 COMMENTI

  1. MALE!!!! malissimo !!!! gli interessi di si e no 40 banchisti prevalgono su quelli di centinaia di residenti e quindi ringrazio sentitamente il consiglio per aver tenuto in alta considerazione l’interesse dei cittadini che abitano in zona.
    Ma ve l’immaginate il doppio senso, ci pensate a quando le macchine che vengono da ponte milvio si incroceranno con quelle che vengono da corso francia e tutte insieme si incroceranno con quelle che verranno da tor di quinto tutto questo davanti l’angolo stretto del ristorante Voy e con tutte le mincar in doppia fila dei ragazzini al red bull? sarà bello assistere agli ingorghi, non vedo l’ora.

  2. Ma mettere un cavolo di cartellone grande al centro di pontemilvio che sponsorizzi l’esistenza del centro commerciale?

    Io ci sono andato solo perchè ne ho sentito parlare tramite passa parola, ma quel centro commerciale è nascosto e per nulla segnalato!

  3. Intanto con la creazione del lucchetto potevano allargare Via Riano anzichè ristringerla.
    Ora vogliono metterla a doppio senso.
    Di bene in meglio.

  4. Più di una volta, anche su questo blog, ho spiegato i veri motivi del centro commerciale
    edificato in questo modo orribilante, il ristorante di vetro, che non era in proggetto, il parcheggio a pagamento, che in comune si proproneva gratuito, che dire ancora!!!!
    L’interesse personale di questa gente possa sopra a tutto, non hanno un minimo di dignità e di rispetto nei confronti delle persone che li hanno eletti (sia quelli di prima che quelli di adesso). Il centro è stato approvato “prima” il ristorante di vetro “dopo”.
    Forse faranno come gli egiziani, nei vasi canopi oltre ai loro gingilli si porterranno anche i soldi, ma sempre quelli rimangono. (quelli,perchè non ho trovato nessun aggettivo dispreggiativo per identificarli)

  5. La prassi politica vorrebbe che i politici decidano dopo aver consultato i tecnici.
    Ma i nostri consiglieri evidentemente la pensano diversamente.
    Si fidano più dei tecnici che di se stessi ……giustamente !

  6. Venite a vedere dove la gente parcheggia……. in seconda fila , in terza, sul marciapiede….per andare 2 minuti al mercato. Questa mattina ho dovuto chiamare un taxi perchè un deficiente si è parcheggiato davanti al mio box e non ho potuto prendere l’auto, …….con il doppio senso dove parcheggerà il cliente del mercato???????
    dove passeranno le auto se ci sono doppie soste da una parte e dall’altra???????perchè ci saranno;
    Verrà allargata la strada? Come?
    I residenti devono sparire???????, Il centro commerciale, la movida, il ristorante di vetro, caciara fino a tarda notte tutte le notti, scorribande di teppisti in erba addirittura dentro i condomini…..che altro dobbiamo aspettarci? Giacomini e i suoi consiglieri dovrebbero avere il coraggio di venire in via Riano per parlare con i residenti e non ascoltare solo i quattro commercianti che vivono in tutt’altra parte.
    Siamo veramente stufi e chissà che non si arrivi alla corte Europea per chiedere tutti i danni che questi amministratori hanno contribuito ad arrecare agli onesti cittadini.

  7. “chissà che non si arrivi alla corte Europea per chiedere tutti i danni”

    vige il principio di previo esaurimento delle vie di ricorso interne.

    le avete già esaurite?

  8. L’errore è stato edificare il centro commerciale su una strada, Via Riano, stretta e con accesso difficile!
    .Perchè per esempio, non lasciarlo dov’era, riqualificandolo in loco!? Era circondato da strade ed anche la sosta, al limite, in doppia fila era meno dannosa! Tra l’altro, tutto stò miglioramento della piazza proprio non l’ho visto! Il giardino che dovevano fare non è stato fatto, ed ora c’è il parcheggio. Perchè non è stato fatto il contrario. Il parcheggio a Via Riano e il mercato su Via Tor di Quinto?
    Ora il danno è stato fatto, e o il doppio senso o il senso unico su Via Riano saranno comunque due soluzioni nefaste!

  9. secondo me il doppio senso peggiorerà solo le cose…la gente finirà a non passare proprio più x via riano x non mettersi nel caos..spero vivamente di sbagliarmi!!!!!!

  10. con il doppio senso di marcia su via riano non migliorerà nulla, perchè continueranno a parcheggiare tutti in doppia fila.cosi scontenteranno tutti,sia i residenti che i commercianti.la chiusura del centro commerciale non è certo dovuta al senso di marcia della strada , ma alla cattiva gestione del centro stesso.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome