Home POLITICA Cesano, Mocci (FI): “Chiusura scuola Periello per M5S non è emergenza”

Cesano, Mocci (FI): “Chiusura scuola Periello per M5S non è emergenza”

scuola-periello

Al termine del Consiglio straordinario tenutosi stamani in XV Municipio sulla vicenda della scuola media Periello chiusa due settimane fa in quanto ritenuta non sicura dalla Commissione Stabili Pericolanti del Comune, Giuseppe Mocci, consigliere FI, rende noto che “durante i lavori d’aula abbiamo ribadito ancora una volta che è opportuno procedere, sin da subito, al consolidamento delle strutture orizzontali della scuola senza perdere ulteriore tempo”.

“A tale proposito abbiamo proposta alla maggioranza di far valere la reale situazione di emergenza che si è venuta a creare lo scorso 14 Febbraio, valutando, qualora ci siano i presupposti, di avviare la procedura di “somma urgenza” prevista dal codice degli appalti. Grazie a tale procedura si creerebbero i presupposti per evitare di posizionare i container da adibire ad attività didattiche e si scongiurerebbe un maggiore carico di utenza nelle strutture scolastiche di Via Orrea e Via Sforzini. In quell’area infatti già insiste un vecchio problema di viabilità. E’ inevitabile che la mancata riapertura del plesso di Borgo a medio termine andrebbe ad influire in modo negativo sulla viabilità di quel quadrante”.

“Durante il Consiglio – sottolinea Mocci – abbiamo presentato una Proposta di Risoluzione per sollecitare la realizzazione di un nuovo plesso scolastico nel territorio di Cesano, attraverso il recupero dei fondi e del “progetto definitivo” approvato nel 2012″.

“Ci dispiace invece rilevare che la maggioranza preferisce considerare la chiusura della scuola Periello, ed il conseguente recupero della struttura, come un problema da affrontare in modo ordinario e non in emergenza. Molto male, infatti, la scelta di inviare il documento sulla nuova scuola di Cesano nelle Commissioni competenti. Evidentemente – conclude Mocci – si preferisce perdere ulteriore tempo su una questione che è già ferma da tempo”.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome