Home TIBERINA Blitz al campo nomadi River, sequestrata discarica abusiva

Blitz al campo nomadi River, sequestrata discarica abusiva

polizia-roma-capitale

Dieci persone fermate, quaranta auto controllate, sequestrati 25 veicoli sprovvisti di assicurazione, sigilli a un’area utilizzata come discarica abusiva: è il risultato del blitz effettuato da oltre 60 agenti della Polizia Locale di Roma nell’ex campo nomadi River di via Tenuta Piccirilli, sulla Tiberina.

L’operazione, guidata personalmente dal neo comandante generale Antonio Di Maggio, ha preso il via intorno alle 7 di questa mattina ed è tutt’ora in corso. Controllati tutti i documenti dei presenti e il loro titolo autorizzativo ad essere presente nel campo di Tenuta Piccirilli; dieci persone, tutte di etnia rom, sono state fermate e su di loro sono in corso accertamenti.

L’area sequestrata è quella dove da alcuni mesi – da quando è venuto meno il controllo del Comune sul campo – venivano sversati rifiuti di ogni tipo. Già lo scorso 19 febbraio,  un cittadino bosniaco residente nel campo che a bordo di un furgone cercava di scaricarvi un intero carico di rifiuti era stato arrestato.
Una situazione di allarme denunciata più volte dal Comitato via Tiberina in rappresentanza del centinaio di residenti di via Tenuta Picirilli.

ANR: “Il campidoglio usa il tallone di ferro”

Immediata e irata la reazione di Marcello Zuinisi, rappresentante di ANR, Associazione Nazione Rom, che in un comunicato così dichiara: “Le macchine sequestrate erano in realtà parcheggiate su un area privata e non potevano essere toccate. Le persone poste in stato di fermo non hanno commesso alcun reato. Il Sindaco Virginia Raggi, dopo il fallimento del “piano Rom”, invece di chiedere scusa a Rom, Sinti e Caminanti (RSC) usa il “tallone di ferro” per schiacciare famiglie poverissime”.

“Siamo di fronte ad autentici “Abusi di Stato” conclude Zuinisi rendendo noto un video girato nel corso del blitz e pubblicato poi sulla piattaforma Youtube.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome