Home POLITICA Amministrative, Razzi si ritira: “decisione molto sofferta”

Amministrative, Razzi si ritira: “decisione molto sofferta”

Antonio Razzi

“Faccio un passo indietro come candidato per favorire l’unità del centrodestra. Sarò ancora più impegnato a supporto del mio schieramento”. Lo annuncia il senatore di Forza Italia Antonio Razzi, a proposito della sua candidatura a sindaco di Roma alla quale ha deciso di rinunciare.

“La mia discesa in campo per il Campidoglio – dice – era avvenuta per sbaragliare una certa confusione, per gli attriti che vi erano proprio nello schieramento alternativo al Pd e ai pentastellati”.

“Ora però – fa sapere Razzi – dopo una riflessione, non vi nascondo, molto sofferta, ho deciso di lavorare a supporto sempre del centrodestra e del candidato a sindaco, Guido Bertolaso, mettendo a disposizione le mie idee e il mio seguito. Da domani infatti la mia azione politica sarà protesa in favore di Bertolaso e del suo programma, sono certo che i miei amici abruzzesi (quasi 400mila nella Capitale) capiranno che bisogna essere uniti e convergeranno tutti sull’ex capo della Protezione Civile, un uomo capace e preparato che una volta eletto – conclude il senatore di Forza Italia – potrà cominciare a far rinascere la capitale d’Italia che da anni versa in uno stato comatoso assistito”.

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. L’annuncio è di quelli che lasciano disorientati i cittadini di Roma, che ora non sanno più come poter sperare nella rinascita della città…. Mi chiedo piuttosto se Bertolaso, sul quale i sondaggi sembrano già alquanto negativi, non consideri questo appoggio di Razzi un colpo definitivo alla sua immagine e alla sua candidatura.

  2. Un giorno qualcuno dovrà pur fare una qualche riflessione sullo stato della nostra classe dirigente (politica) che nel volgere di 30 anni è passata da Spadolini, Andreotti, Berlinguer, Amato, Formica… a personaggi del calibro di Antonio Razzi. Ed anche i mezzi di comunicazione dovrebbero forse riflettere sulle notizie che danno, e su come le danno…

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome