Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 24 gennaro

Li sette giorni der 24 gennaro

Anche oggi alle 12 in punto, come il cannone del Gianicolo, Giovanni Berti torna a tuonare con i temi caldi della settimana riassunti in versi romaneschi. Un appuntamento un po’ per sorridere ed un po’ per ricordare quali sono stati  gli argomenti più  salienti degli ultimi sette giorni. Questo, se non lo sapete,  è Il Vernacolo di VignaClaraBlog.it.

 Toccata e fugone in re minore drento ar municipio venti,
er concijo nostro fa sega, nun produce arcuna direttiva.
Li presenti se squaglieno, li assenti diventeno presenti:
nun se pò certo dì che a li concijeri amanchi l’inventiva!  >>>

 “Pronto, Sor Giacomini, me sente drento l’apparecchio?
Volevo segnalà ‘na situazzione de degrado esaggerato,
che persiste da tempo, ne è passato oramai parecchio:
je vojo dì che de novo er nummero legale è amancato!”  >>>

 Ahò, preparamo la sciampagna o lo spumante Gancia,
i dati parleno da soli, er territorio nostro c’ha er primato:
ner dumilanove pe’ l’inquinamento trionfa Corso Francia,
li lucchetti a la centralina, un’idea pe’ chi è innamorato!  >>>

Otto telecammere faranno da guardia ar Ponte Mollo,
occhi puntati su tiratardi e tutto quanto er movimento;
sur piazzale a trecentosessanta gradi gireno er collo:
congegni efficaci contro ogni becero comportamento?  >>>

 Ce vorebbe un grande scenziato, de quelli coi fiocchi,
pe’ decifrà le scartoffie relative a via Federico Mastriji.
Ar momento la situazzione annosa nun c’ha sbocchi:
vedranno la risoluzzione li nipoti nostri o li fiji de li fiji?  >>>

 Potrebbero aritornà l’Olimpiadi ne l’Urbe nostra eterna,
ner dumilaventi, ce spera propio er sindaco Giannetto.
Pe’ rinverdì li fasti annati, pe facce vince ‘na quaterna:
a Tor de Quinto li sportivi troveranno pasta e un tetto? >>> 

 Er gioco abbisogna de raggionamento e concentrazione:
organizzeno corsi de scacchi pe’ cresciuti e mocciolosi,
pe’ fà in modo de riconosce tutti, dar re inzino ar pedone:
iscrizioni operte, a lezzione anche li conducenti nervosi?  >>>

Ma chi lo dice che le sorche ce stanno solo ner Tevere?
Signori: stamo a parlà de topi, nun me intennete male!
Uno de ‘sta razzaccia brutta l’ha preso er carabbignere:
se introduceva ne li reparti e razziava drento lo spedale.  >>>

“Certe vorte funziona tutto ar rovescio”, dice Semprogno,
“ancora è chiusa la porta der diritto!”, aggionta co’ cipijo.
Nun se trova ‘na stanzia pe’ l’avvocati, sembra un sogno:
ma come? E’ quasi sempre sgombra la sala der concijo!  >>>

Via de l’Alpinismo: Sor Giusè, su, famo un patto da fero:
lei se pija er lampione de la luce, Sor Berti la tera rossa,
a Alessandro dia racchette e mezzo incasso giornaliero,
a Enrico lezzioni gratis co’ la maestra che dà la scossa!
Confesso subbito che l’ho scritto solamente pe’ fà rima:
Sor Giuseppe, ma che vole ce faccio co’ la tera rossa?
Scerga lei: de giorno, ar crepuscolo o perfino la matina
anch’io a lezzione co’ la ciumachella che dà la scossa!  >>>

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome