Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 25 novembre

Li sette giorni der 25 novembre

 Una settimana convulsa, piena di storie e ricca di notizie quella appena trascorsa. Spigolando fra le une e le altre abbiamo colto le sette più curiose o più interessanti, una al giorno, che il nostro vernacoliere Sor Berti ci ripropone alla sua maniera, con sette quartine in stretto trasteverino. E’ il suo ed il nostro modo di augurare buona domenica.

‘A dimanna nun cià incora ‘na risposta:
ma com’è che ‘r municipio s’è allagato?
‘A situazzione nun pareva accosì tosta:
se saranno ‘nfrante ‘e bottije de firriato?
Er municipio allagato: perché?

Mo’ che ‘a piena fino ar mare è arivata,
rimangheno probblemi senza soluzzioni:
dar medemo zzelo ‘a politica è animata
puro si smorzeno rifrettori e televisioni?
Li danni d’a piena.

Recinzioni, cartelli arugginiti, transenne:
si stai a piedi, che ‘r bbon Dio t’assista
e che te possa mette ar sicuro ‘e penne
arigalannote er talento de ‘no slalomista.
‘A dura vita der pedone.

Nove mesi de tempo da l’inaugurazzione
e cià più bùci der groviera ‘a Fondovalle:
direbbe Flaiano che puro ‘sta situazzione
è grave ma nun è seria, artro cche bballe!
Fondovalle, groviera a celo operto.

De la natura, forze, er carattere più bbello
è che lei gnente chiede, s’a sbriga da sola;
ma certe vorte, come sabbato a Formello,
sembra necessario adottà armeno un’aiola.
L’aiole de Formello.

Salì inzù ‘r podio nun è mica in sempiterno
sinonimo d’eccellenza a livello fenomenale:
‘a Cassia, mo’ che s’appropinqua l’inverno,
è ‘a terza strada più pericolosa d’a capitale.
Via Cassia sur Podio…

Come er letame è de fondamentale aiuto
pe fà diventà ‘e verzure grosse e rigojose,
accosì ricavà er monile da quarche rifiuto
ce trasformerà in crature più che virtuose.
Art’Eco, l’Arte der riuso.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome