Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 13 novembre

Li sette giorni der 13 novembre

Eccoci al consueto appuntamento domenicale con il Vernacolo di VignaClaraBlog.it: le sette notizie più interessanti degli ultimi sette giorni riassunte in sette quartine in stretto dialetto romanesco. Il tutto grazie alla sottile ironia del nostro sor Giovanni Berti: un modo scanzonato per ripercorrere gli avvenimenti della settimana appena trascorsa. Buona domenica

Troni pagherà ar sor Giannetto li danni causati da l’apertura:
me sembra assai ggiusto, me pare ‘na conseguenza naturale;
ar sor sinnico arigalo un conzijo spassionato e senza pavura:
‘sti quatrini annassero a quelli de ‘a fila, pe’ l’iggiene mentale!
Er rimborzo mirato de Troni

‘O scivolo vicino ar Gran Teatro pe’ ‘e ddu’ rote è rischioso
e vorei sapè nome e cognome der genio che l’ha piazzato lì;
ma, detto questo, nun ve sembra che sii assai più pericoloso
annasse a vede Li Promessi Sposi ne la verzione de Guardì?
Li pericoli fora e drento ar Gran Teatro

Aritorna regolare ‘a linea Zerotrentanove, er concijere dice:
‘na bbona notizzia pe’ chi abbita in zona Labbaro o lì vicino;
ma io, come er santo, vojo toccà co’ mano, me faccia felice:
sor Scipione, appuntamento a ‘a fermata a ‘e sei der matino?
Arifunziona davero ‘a linea 039?

Er sor Torquati, me pare certo, nun capisce tanto de storia,
artrimenti nun arzerebbe ‘sta polemica inutile su li stendardi:
quella der municipio è ‘nfatti ‘na bbandiera onusta de gloria
che appartenne gnente popòdemeno ar generale Garibardi!
‘o stendardo de l’eroe de ‘i du’ mondi

Allora, er Piddì mò se mette a sentì quello che dice ‘a gente:
“a portiera cià ‘na tresca e pe’ tera Tizzio butta ‘a monnezza,
e poi ce stà Cajo che d’a moje nun je ‘mporta un ber gnente”:
è propio vero che er pettegolezzo arimane l’unica certezza!
Sora Elide, tocca a lei…

Metteno li siggilli a ‘n locale de pubblica somministrazzione:
der fatto che li pizzardoni vejeno su l’iggiene semo contenti;
e mò tutti quanti aspettamo, co’ na certa qual trepidazzione,
che puro a via Flaminia otto sette e due chiudeno li battenti.
Locali pubblici che vengheno chiusi…

Cartelloni rimossi e poi rimessi: ‘sta storia è sempre uguale!
Trenta ne torgheno oggi e cinquanta n’arispunteno domani;
L’indicazzioni abbusive punteggeno tutto er manto stradale,
assai de più dei rigaletti lassati a tera dai padroni de ‘i cani!
Cartellone che vai, cartellone che arivieni…

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome