Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 23 ottobre

Li sette giorni der 23 ottobre

Eccoci al consueto appuntamento domenicale con il Vernacolo di VignaClaraBlog.it: le sette notizie più interessanti degli ultimi sette giorni riassunte in sette quartine in stretto dialetto romanesco. Il tutto grazie alla sottile ironia del nostro sor Giovanni Berti: un modo scanzonato per ripercorrere gli avvenimenti della settimana appena trascorsa. Buona domenica.

Ar concijo municipale se ciancica de ‘a sorte de li lucchetti,
e, siconno me, dice che vanno mantenuti, er sor Giacomini,
perchè in cor suo è speranzoso de fiori d’arancio e confetti
e ne vorebbe mette uno tenenno ‘a mano de sora Porverini!
Sor Giacomini è mocciano…

Se taja er nastro pe’ inaugurà la novissima sede anagrafica
e pe’ l’occasione se mette tutto in ghingheri, sor presidente;
se spera che pe’ ‘gni cittadino in fila l’attesa nun sii traggica
e che le penne siino nove, no smozzicate da quarche dente!
Sede nova, penne vecchie?

Scritte assai sconcertanti sò apparze in via de ‘a Maratona:
certe perzone a l’imbecillità je ‘a danno in sempiterno vinta;
a solito ignoto co’ ‘a bomboletta, forza, siedete in portrona,
che te dico ‘sta notizzia: mamma tua è ‘n’antra vorta incinta!
‘a madre de l’imbecille…

Hai ristrutturato casa tua? Hai rimesso a novo l’aredamento?
Stai tranquillo, nun ciavè pavura, nun datte subbito pe’ vinto:
ce stà un posticino che fà pe’ te, che te farà propio contento,
pija er furgone e butta tutto a la discarica de Tor de Quinto!
‘a discarica de Tor de Quinto

“Appuntamento ne le vicinanze de via Flaminia, ore ventitrè:
daje Corsetto, forza Sabbatani Schiuma, iperattivi ve vojo!”,
così esorta a ‘a passeggiata notturna Daniela Santa-de-chè,
che aggionta: “nun se sa mai, portateve dietro er portafojo!”.
..uhmm, mica l’ariccontate ggiusta!

Chiamato in causa a proposito de’ l’abisso de via Comparini,
er presidente der ventesimo ha arigalato subbito ‘sta risposta:
“nun m’è arivata arcuna missiva”, ha dichiarato sor Giacomini,
è solamente corpa de la lentezza ne la consegna de la posta!”
via Comparini: e allora?

De giovedì s’è scatenato er nubbifraggio su tutta quanta Roma:
arberi cascati, cantine e rimesse allagate, er traffico paralizzato;
pe’ annà a lavorà ce sarebbe propio voluta ‘na bestia da soma,
ma invece ar trasporto pubblico me sò inopinatamente affidato!
Mejo l’asino!

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome