Home ATTUALITÀ Nubifragio sulla Capitale, in tilt a Roma Nord traffico e trasporti

Nubifragio sulla Capitale, in tilt a Roma Nord traffico e trasporti

Il nubifragio che si sta abbattendo sulla Capitale dalle prime ore del mattino ha mandato, come di consueto, in pieno tilt il traffico a Roma Nord. Numerose strade sono allagate e alcune sono state chiuse. Prima Porta e Labaro sono alla stregua di un lago. Fortissime le ripercussioni sul traffico in ingresso nella Capitale e sul servizio di trasporto pubblico. Nella tratta Roma-Viterbo, ad esempio, la stazione Euclide è chiusa per allagamento. Vediamo i dettagli.

Sulla Cassia, sulla Flaminia, e sulla Trionfale il traffico è fortemente rallentato perché molte traverse sono allagate e questo rende difficoltoso il passaggio dei veicoli sia pubblici che privati.

Via Cassia, tra via Trionfale e via Due Ponti, è un’intera fila. In via Flaminia, tra Prima Porta e Corso di Francia, l’entrata in città è difficilissima a causa dei diversi allagamenti in vari tratti di strada. In viale Tor di Quinto sono caduti alcuni alberi causando il blocco della circolazione con forti ripercussioni su tutta l’area di Ponte Milvio.

Traffico fortemente congestionato anche a  Pineta Sacchetti, in via Battistini ed in via Trionfale tra Via Ipogeo degli Ottavi e Via Giuseppe Barellai, in entrata in direzione Roma, per allagamenti in vari tratti di strada.

Per quanto riguarda le linee bus periferiche questa è la situazione fotografata fra le 7.30 e le 8.30: la linea 039, direzione Saxa Rubra, è bloccata in diversi punti del percorso per allagamento; la linea 022 limita il suo tragitto a via Gemona del Friuli perché via Ghisalba è chiusa; la linea 220 subisce il parziale blocco del traffico in via Due Ponti mentre la linea 232 è stata deviata per Corso Francia poiché il transito su piazza Ponte Milvio è bloccato.

A Cesano, gli allagamenti stanno causando rallentamenti e fermi improvvisi sulle linee 024 e 036.

Anche il servizio della tratta urbana della ferrovia Roma-Viterbo è fortemente rallentato e la stazione Euclide è chiusa per allagamento mentre a quella di Labaro solo due treni urbani sono riusciti a fermarsi per per far salire i pendolari.

E i pedoni? stivali, galosce, ombrelli ed impermiabiloni e tanta pazienza, quella tipica dei romani abituati da secoli a vedere la loro città trasformarsi in Venezia.

E mentre per i tuoni e la pioggia scattano gli allarmi delle automobili parcheggiate la giornata si presenta come una delle peggiori per il traffico, visto che le previsioni meteorologiche indicano ancora maltempo per le prossime ore benchè alternato, di tanto in tanto, a qualche schiarita.

aggiornamenti

Tomba di Nerone: cede vano ascensore

Cassia : alberi sulla strada

Grandi arterie: riaperte al traffico le consolari

 

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Non vi descrivo quello che sta succedendo all’interno del mio palazzo… inutile dire che i pompieri sono tutti occupati quindi è impossibile richiederne l’intervento

  2. Su Roma Nord, in un paio d’ore, sono caduti 132 mm di pioggia: una enormità. Nessun impianto sarebbe in grado di smaltire regolarmente questa massa d’acqua. Peraltro, dopo le giornate di insolito caldo, era logico aspettarsi qualcosa del genere. Il fatto è che le belle pioggerelline di un tempo, che si affrontavano con ombrellino e calosce, rischiano di diventare un ricordo. Sarà bene cominciare a pensare (ed agire) che in futuro potrebbe essere sempre così.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome