Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 18 settembre

Li sette giorni der 18 settembre

Eccoci al consueto appuntamento domenicale con il Vernacolo di VignaClaraBlog.it: le sette notizie più interessanti degli ultimi sette giorni riassunte in sette quartine in stretto dialetto romanesco. Il tutto grazie alla sottile ironia del nostro sor Giovanni Berti: un modo scanzonato per ripercorrere gli avvenimenti della settimana appena trascorsa. Buona domenica.

Sfrecceno le machine su la variante der pedone acciaccato,
scaleno ‘a marcia presso ‘a curva de “guido come me pare”,
accelereno lungo er rettilinio de l’attraversamento zebbrato:
benvenuti tutti quanti ar gran premio de la strada consolare!
er gran premio de la Cassia Antica

Cianno un attaccamento vero ar quartiere loro, le perzone,
e ar prestiggio de zzona ce penzeno ‘gni sera e ‘gni matina;
vorebbero sur serio che andasse male ‘a sperimentazzione,
pe’ arigalà ar Corzo de Francia er primato de la centralina!
Cassia chiusa pro Corzo Francia…

A proposito de Cassia, parlamo un po’ de quella veientana:
ne le piazzole pe’ la sosta trovi materassi , gomme e divani,
inzomma, tajanno corto, è ‘a monnezza che lì regna sovrana:
chi interviene? Mistero più fitto de l’esistenza de li marziani!
chi porta via la monnezza?

E la situazzione nun mijora spostannose ner parco de Vejo:
abbandoneno puro li pali de la luce ne la zona de Formello;
ma certe vorte, se dimanna quarchiduno, nun sarebbe mejo
assegnà l’appalto a chi nun conosce bbene questo o quello?
li rifiuti der parco de Vejo

Co’ le telecammere se risorve er probblema de la sicurezza:
era un monito risoluto, ve vedemo, nun ve comportate male!
Guardamo le immaggini, poi ve beccamo: nisuna incertezza:
peccato siino fori servizzio quelle der parcheggio municipale!
telecammere fori servizzio…

Arioprono le scole, ariciccia incora la corza al libbro usato:
“ecchè l’acquisto novo? Ma me costa ‘n’ fracco de quatrini!
Eppoi l’atlante co’ l’Unione Sovietica a casa me sò portato,
a la faccia der crollo der muro e puro der ministro Gelmini!”
quanno er testo è TROPPO usato

Lungo er viale a Tor de Quinto hai lassato sogni e speranze,
un brutto ggiorno, e chissà perchè, er destino così ha deciso;
ma quarche cosa un po’ lieve fà er dolore, copre le distanze:
tante perzone nun se dimenticheranno mai più der tuo sorriso.
per Mario…

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome