Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 17 lujo

Li sette giorni der 17 lujo

Eccoci al consueto appuntamento domenicale con il Vernacolo di VignaClaraBlog.it: le sette notizie più interessanti degli ultimi sette giorni riassunte in sette quartine in stretto dialetto romanesco grazie alla sottile ironia del nostro sor Giovanni Berti. Un modo scanzonato per ripercorrere gli avvenimenti della settimana appena trascorsa. Buona domenica.

Peccati de gola, parcheggi e ristoranti de Ponte Mollo:
acchitteno er portale der salotto bbono de la capitale;
Voi fà l’aperitivo? T’è venuta voja de pizza o de pollo?
Colleghete e inizzia la ricerca da la paggina principale!
www.pontemilviovillage.it

Si la riserva è riservata a pochi, selezzionatissimi, eletti,
c’è quarche cosa che nun quadra: è chiaro, è lampante;
amo li quadrupedi, a tutti li cavalli manno i miei rispetti,
ma arcuni bipedi ne l’Antenora li metterebbe sor Dante.
quarchiduno ha tradito la patria…

Ecco, famo accosì: l’orchidee guardamosele coll’aifone
tanto drento nun se pò entrà, ce stanno i lord a cavallo!
Chissà si pe’ iscriveme a ‘sto circolo sò ritenuto cafone
o si serve ‘na lettera d’encomio de quarche maresciallo!
l’Insugherata se vede solo coll’Iphone!

Anvedi: fanno puro le rime e, dicenno “abbasta bbotte”,
‘sti signori offreno iniziativve pe’ aripijasse dar solleone:
“ce piace annà in giro de qua e de là, adoramo la notte
e a fine serata s’avvelenamo co’ li panini de lo zozzone!”
movida sicura?

Er treno s’aresta de novo pe’ l’ennesimo furto de rame.
Pe’ la via crucis de li pendolari ecco la vera soluzzione:
se potrebbe scrive la parola fine a ‘sto costume infame
acchittanno scrivanie, telefoni e fax propio ner vagone!
e l’ufficio sur treno no?

Er sor Pandolfi ormai co’ li comunicati più nun s’azzitta
e sur quotidiano nostro è scatenato sette giorni su sette;
la spunterà contro le case da gioco de cui la rete è fitta?
Siconno me ‘a risposta è no: sor Giulià, vole scommette?
sor Pandolfi e le case da gioco

Le ciumache, lo sapemo, cianno la fissa de le carzature:
co’ li tacchi, a punta, a infradito, in tono co’ la borzetta;
pe’ ‘sta malattia endemica nun ce stanno incóra le cure:
e li mariti illusi scriveno assegni come si fusse la ricetta!
scarpe, scarpe, scarpe!

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome