Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 30 maggio

Li sette giorni der 30 maggio

Eccoci al consueto appuntamento domenicale con il Vernacolo di VignaClaraBlog.it, il riepilogo delle notizie degli ultimi sette giorni in stretto dialetto romanesco grazie alla sottile ironia del nostro sor Giovanni Berti. Un modo scanzonato per ripercorrere gli avvenimenti della settimana appena trascorsa.

Contro chi massacra le strade sarà linea dura,
fermamente annunzia l’assessore sor Erbaggi.
Sarebbe un gaudio sì magno applicà ‘sta cura:
ner mentre drento le bùcie crescheno l’ortaggi!  (clicca qui)

Sor Umbè, noantri già lo pagamo er pedaggio,
ce se ‘ncanutisce la barba drento ar raccordo!
Mortacci e smaneggi da giugno fino a maggio
come dativa nun è mica poco, nun è accordo? (qui)

Inaugurato, der picchio, er suggestivo sentiero:
annà a fette drento ar verde, che sensazzione!
Ma me ronza in capoccia un feccioso penziero:
er cammino è a doppio senzo de circolazzione?  (qui)

Dicheno che ha fatto chiude lei la Cassia Antica:
daje allora, proseguimo la staggione der dispetto!
Tojemo l’acqua a Sterpa in men che nun se dica,
poi, niscosti, se la ridemo, eh sinnaco Giannetto?  (qui)

A piazza Ponte Mollo er macinino magna vetro?
Quarchiduno senza esitazzioni l’auspicherebbe!
Er tempo passa e avanzi solo de quarche metro:
lo sai che penzo? Er magnavetture risorverebbe!  (qui)

Nun ce bastava quella de noantri, de monnezza?
Ce la spedischeno da tutta Europa e… bonasera!
Certo pur’io de le spiagge c’ho a core la sarvezza,
ma ‘st’arbergo nun se poteva costruì in Inghirtera?  (qui)

Ce se ritrova sotto l’arberi, in piazza Stefano Jacini:
un aperitivo in compagnia, un’assemblea conviviale;
ma, me faccia capì bene, sor Presidente Giacomini:
in codesti casi nun amanca mai er nummero legale?  (ed infine qui)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome