Home AMBIENTE Roma – altre 6 macchine mangia vetro nelle piazze della movida

Roma – altre 6 macchine mangia vetro nelle piazze della movida

bottiglie.JPGA quando a Ponte Milvio? Se ne parlò a Gennaio ma a quanto pare fu solo un pourparler – Dopo i risultati positivi ottenuti  nel III Municipio, aumentano le macchine mangiavetro nelle piazze romane. Altre sei ne saranno installate nei prossimi giorni nel centro storico, a Piazza Bologna ed a San Lorenzo.

Originale l’idea pensata per incentivare lo smaltimento del vetro: un qualsiasi cliente inserisce nella macchina la bottiglia vuota in vetro che viene immediatamente ridotta di frantumi; contestualmente viene emesso dalla macchina uno scontrino che porta scritta una promozione per una consumazione presso l’esercizio commerciale che gestisce la macchina. Il vetro è quindi ridotto in frammenti che ne consentono un’ottimale conservazione dentro il bidone inserito nella macchina che sarà svuotato dal normale servizio dell’AMA di ritiro del vetro presso ristoranti e bar.
mangiavetro.jpgDomani il presidente del I municipio Orlando Corsetti e quello del III Dario Marcucci, presenteranno a Campo de’ Fiori il progetto ‘adotta una piazza’. In questa fase di lancio del progetto, sei nuove macchine mangiavetro saranno collocate in quattro piazze romane. Tra i primi ad aderire all’iniziativa c’è stata la Birra Peroni, che installerà tre macchine a Campo de’ Fiori, una a piazza Bologna e una a piazza dell’Immacolata a San Lorenzo. L’Italgrob, la federazione italiana dei distributori di bevande, adotterà invece largo degli Osci a San Lorenzo. Gli esercizi commerciali di queste zone collaboreranno all’iniziativa.

Auspicabile analoga iniziativa a Piazza Ponte Milvio, cuore della movida notturna romana, dove ogni mattina sono visibili decine  e decine di bottiglie abbandonate. A farne le spese soprattutto gli angoli della Torretta Valadier, del ponte e della banchina del Tevere.  Di installare la macchina a Ponte Milvio  se ne parlò ai primi di Gennaio 2010 ma poi non se ne seppe più nulla (leggi qui)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome