Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 14 Febbraro

Li sette giorni der 14 Febbraro

Cos’è accaduto di rilevante negli ultimi sette giorni a Roma Nord? Ve lo ricorda, in versi romaneschi, il Vernacolo di VignaClaraBlog.it con la penna di Giovanni Berti, sempre intinta nel calamaio dell’ironia. Un modo per ripercorrere sorridendo fatti ed eventi della settimana appena conclusasi. A proposito, buon San Valentino.  

Sotto la toretta de Ponte Mollo ecco sor Presidente:
ciancica de congegni sofisticati in diretta reggionale
e, co’ la tinta nova nova e a l’intervistatrice soridente,
dice che l’occhio elettronico è panacea de ogni male.
Pe’ ‘sta raggione, pe’ lottà davero contro er degrado,
er vernacoliere avanza la proposta cor consueto pijo;
senza penzacce du’ vorte, sia tratto subbito er dado:
accroccate le telecammere drento la sala der concijo! (leggi qui)

Notizzia bomba: su la Cassia ce stanno li pellerossa!
Ma se sò rinnovati, mò se dedicheno a svariati affari:
arivati pe’ fasse rispettà, tutti inzieme pe’ la riscossa,
la tradizzione aggiorneno tramite li totem pubblicitari. (leggi qui)

Forze, quarcosa s’è smossa pe’ via Mastriji Federico:
infinarmente diventa un ricordo la discarica abbusiva?
Pe’ fà lo scaramantico, ve lo dimanno ma nun lo dico:
sarà questa la vorta bona pe’ la soluzzione definitiva?  (leggi qui)

Placcaggi, botte da orbi ma comportamenti mai nocivi,
aritorna ar Flaminio er torneo de rugby der 6 Nazzioni.
Li energumeni se batteno leali, li tifosi sò assai sportivi:
ma quelli der carcio le impareranno infine ‘ste lezzioni? (leggi qui)

Urtimo giorno ar gran teatro de Tosca, amore disperato,
propio ner dì che er calendario rammenta San Valentino,
patrono istituzzionale e consumista de chi è innamorato:
chiudete er Ponte fino ar giorno appresso, San Faustino!  (leggi qui)

A Tor de Quinto, pe’ la bonifica der malandato laghetto,
quarchiduno ha espresso perplessità e posto domanne:
volatili e arberi meriterebbero considerazzione e rispetto
artrimenti puro l’essere umano a la fine rimane in panne. (leggi qui)

Se convoca n’antra vorta la seduta der concijo muncipale
pe’ stabilì quanto l’amministrazzione dev’esse trasparente;
cinque presenti, gnente delibbera, ma nun è annata male:
tomo tomo, cacchio cacchio sor Ariola resta er presidente!  (leggi qui)

Pe’ via Cassia Antica, fioccheno la neve e le multe iregolari.
E’ proibbito scenne – è vero – è ‘na furbata assai mardestra:
co’ la machina sur marciapiedi, annoteno le targhe l’ausiliari
e nun te fermeno, mentre li sordi ariveno drento la canestra. (leggi qui)

In sempiterno polemici ‘sti commentatori der nostro giornale!
E’ discesa su la capitale e sur ventesimo la prevista nevicata:
è pe’ la carbonara der pranzo che a mezzodì se sparge sale,
mica pe’ rende sicura la strada che de matina s’è imbiancata! (leggi qui)

Ahò, mò se spiegamo la tinta nova nova der sor Giacomini:
s’è restaurato li superstiti pe’ esse più scicche co’ le donne!
Er concorso letterario mica è operto a tutti quanti li cittadini,
ma congegnato esclusivamente pe’ le residenti co’ le gonne. (leggi qui)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome