Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 26 agosto

Li sette giorni der 26 agosto

Che imperversi il bollente Lucifero  o porti il fresco la tiepida Beatrice, non si smorza la vena ironica del nostro vernacoliere sor Berti che anche questa domenica, con le sue sette quartine in stretto dialetto romanesco, ci ricorda le sette notizie più curiose degli ultimi sette giorni pubblicate da VignaClaraBlog.it. Buona lettura, ma soprattutto buona domenica.

Finarmente se porta via ‘a monnezza
dar campo situato in via der Baiardo:
ma perché tutta quanta ‘st’incertezza?
Carma, eh? Ché se crepa dar cardo!
Se bbonifica via der Baiardo…

Me viè da chiede si a ‘sto collettore
ce se lavora solamente a nude mani
in quanto ner frattempo a Singapore
acchitteno ‘n palazzo de cento piani.
‘A Fabbrica de San Pietro a via Ddu’ Ponti.

Sapete cche j’amanca a ‘sta ferovia
p’entrà de diritto drento a li miti veri?
De l’assarto a la diliggenza ‘a maggia,
come ne l’epoca de indiani e pionieri.
‘A ferovia FM3 a ‘n passo dar mito…

Sete stati attenti, infingardi e traditori,
da ‘sta telecammera a nun favve coje?
Perché sveleranno l’immaggini a colori
che quella co’ voi nun era vostra moje.
‘A machina de google e ‘e magagne…

De parole m’aritrovo davero a corto
quanno leggo che ‘na disinfestazzione
diventa ortraggio vero a chi da morto
deve riceve sta criminale umiliazzione.
Disinfestatori ignobbili!

A chi ricopre Roma de ‘sti cartelloni,
‘na certa intuizzione ariva piano piano:
‘n posto da sfruttà pe’ future affissioni
è puro ‘r sepolcro de Vibbio Mariano.
Cartelloni, cartelloni, cartelloni…

Volenno favorì l’arivo der temporale,
perché ne sento davero ‘a mancanza,
a costo de sembravve poco normale,
a la magnera dei nativi ecco ‘a danza.
Ma piove davero?

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome