Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 24 giugno

Li sette giorni der 24 giugno

Afa e calura non smorzano la vena ironica del nostro vernacoliere sor Berti. Anche oggi dunque, ecco le sette notizie più interessanti degli ultimi sette giorni raccontate con sette quartine in stretto romanesco. Una “pasquinata” che di sicuro vi farà sorridere e con la quale la redazione augura buona domenica.

Sembra propio che sii infine giunta ‘a concrusione
‘a manifestazzione de comicità organizzata co’ pijo:
No, te sbaji, ‘r cabarè prosegue, nun fà confusione
e ‘spetta d’assiste a la prossima seduta der concijo.
Er cabarè a l’operto (e ar chiuso) der Municipio XX

A via de l’Alpinismo s’ariconferma er detto
pe’ cui a l’intelliggenza de tutti quanti li cani
s’oppone, guasi che fusse ‘n sacro precetto,
‘a bbestialità evidente de tanti esseri umani.
L’area cani de via de l’Alpinismo.

Er sor Perina butta là ‘na certa provocazzione:
Via Flaminia Vecchia addiventi isola pedonale!
Però, a pensacce seriamente, come soluzzione,
fatti du’ conti, nun sarebbe propio gnente male!
Via Flaminia Vecchia isola pedonale? Uhm...

Era ora de fà ‘n uso senzato de l’Insugherata:
auspicamo propio che quanno ariverà Natale,
ar posto de ‘ste frasche, de ‘sta foresta fatata,
sorgerà ‘n casinò o ‘n ber centro commerciale.
No arberi? No Insugherata!

Ahò, ma che ner ventunesimo secolo ce stanno
incora quelli che credeno ar vudù o la Santeria?
Superstizzioni ridicole, però nun fà infine danno
si fai ‘n par de corna, accosì ‘sta jella scacci via!
Voodo a Santeria in via Ddu’ Ponti?

Continua dei marciapiedi fai-da-te l’oscura saga:
‘r permissivismo esaggerato propio nun c’incanta;
visto che fà come ce pare e piace, pare che paga,
aspettamo che tarocchino puro ‘r sette e quaranta.
Marciapiedi fai-da-te: ‘a vicenna s’ingarbuja.

Che cardo: bisogna beve, magnà frutta e verzura,
e, incora, assume potassio pe’ nun smarrì l’acume;
ortre che sopra er marciapiede rallentà l’andatura,
sarebbe mejo annassene ‘n giro solo cor costume.
Ammazza che cardo!

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome