Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 17 giugno

Li sette giorni der 17 giugno

Neanche Scipione l’anticiclone riesce a frenare sor Berti, il nostro vernacoliere, che nonostante la calura e l’afa di questo week-end non ha perso la sua sottile ironia e non ha voluto rinunciare ad offrirci le sue solite sette quartine. Scritte in romanesco, ci ricordano le sette notizie più interessanti degli ultimi sette giorni. Buona domenica.

‘A sentenza chiaramente ha parlato,
ma quarchiduno pare nun l’apprezzi;
ma j’entra ‘n capoccia, eh sor curato,
che ‘r fine nun giustifica mai li mezzi?
Pischelli senza Onne?

Er Made in Italy mo e in sempiterno
ce illustra ner monno, è ‘na certezza:
accosì, perlomeno inzino a l’inverno,
fieri, spedimo a l’estero ‘a monnezza.
Monnezza Made in Italy.

Ne l’Urbe ariva Scipione l’Africano
e se scalleno case, strade e terazze;
l’anticiclone ciarigala ‘na gran mano
pe’ spojacce de più tutte ‘e rigazze!
Daje, Scipione, daje!

Sì, se va pe’ lucciole a Monte Mario,
e però se tratta de passeggiate etiche,
quinni nun intaccate er sudato salario,
ché ‘ste lucciole nun sò peripatetiche!
‘E lucciole de Monte Mario.

In mejo, cammia aspetto ‘a stazzione:
tutta linda e pinta ‘a fermata ‘A Storta;
e, varda caso, a chi se deve l’azzione?
Retake Roma corpisce ‘n’antra vorta!
Retake Roma corpisce incora!

Quelli de l’ACEA sò davero campioni
pe’ preparà sorprese anno doppo anno:
tengheno smorzati tutti quanti ‘i lampioni
ne l’attesa de augurà bbon compleanno!
Li lampioni spenti de via Clauzetto.

A Ponte Mollo er volume nun è bbasso,
ma stà propio a zzero: er party è silente!
Nun sarebbe male si er prossimo passo
fusse annà artrove o nun venì pe’ gnente.
‘A festa silenziosa de Ponte Mollo.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome