Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 22 aprile

Li sette giorni der 22 aprile

In stretto dialetto romanesco torna anche questa domenica l’appuntamento con il Vernacolo di VignaClaraBlog.it, il riepilogo delle sette notizie più curiose degli ultimi sette giorni così come scaturisce dalla penna e dalla sottile ironia del nostro sor Berti. Un modo per ricordare sorridendo gli argomenti più discussi dell’ultima settimana. Buona domenica.

Diteme er perché ‘r sor Ponte Mollo,
dovennose adeguà a ‘sti ggiorni tristi,
invece de finì su quarche francobollo,
mo se presta a li conziji pe’ l’acquisti.
Ponte Mollo e ‘a pubblicità.

Sò trascorzi millanta e settecent’anni
da quanno Costantino, neo cristiano,
evitanno a noantri ‘n fracco de danni,
se rivelò ‘n perfetto pre-andreottiano.
Costantino e ‘o scudo crociato.

Inzù ‘a collina ET e l’alieni sò atterati
pe’ fasse conosce da noantri romani;
ma ciò ‘a sensazzione che pini e prati
siino in sempiterno l’autentici marziani.
Er verde pubblico è più alieno de li marziani.

Pe’ certuni mestieri devi da esse tajato:
si fai ‘r ladro ma nun ciai ‘a vocazzione,
è mejo riconosce subbito d’avè sbajato
e impugnà giojosamente pala e piccone.
‘Sto mondo de ladri…improvvisati.

Si ciavete ‘n orologgio de gran preggio
e da li pizzi de Vigna Clara v’aritrovate,
der furto solo ‘na cosa sarebbe peggio:
‘r controlletto de l’aggenzia de l’entrate!
A Vigna Clara prosegueno ‘e rapine de Rolex.

Pe’ er caos de piazza Azzarita Manfredi,
c’è er parere che ar toro ‘a capoccia taja:
visto er disegno, der municipio, nun credi
che deve diventà presidente sor Gargaja?
Sor Gargaja e piazza Azzarita

Chiude anche ‘a Romana Macinazzione,
de Roma vecchia sparisce ‘n’antra fetta;
co’ fantasia, amore, sudore e attenzione
tanti anni fa ve nacque l’adorata rosetta.
Chiude ‘a Romana Macinazzione.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome