Home ATTUALITÀ Cassia – Una possibile soluzione al caos di Piazza Azzarita

Cassia – Una possibile soluzione al caos di Piazza Azzarita

via-azzarita.JPGPiazza Azzarita è molto conosciuta dai residenti di Roma Nord per la presenza di un Commissariato di Polizia (il Commissariato Flaminio Nuovo) che ha giurisdizione su di un territorio molto vasto. La notorietà della piazza e della omonima via è anche legata al caos dei parcheggi che nell’orario di apertura degli uffici amministrativi sono saturi con auto in seconda e terza fila. A rendere più complessa la situazione anche il capolinea del 222.

Per evitare che le auto sconfinino nell’area parcheggio del bus impedendone la manovra quasi ogni giorno un coppia di ausiliari del traffico sosta sulla piazza ingaggiando strenue tenzoni con chi dovendo rinnovare il passaporto molla l’auto dove capita.

I residenti da tempo aspettano una qualche soluzione che non arriva, e allora con un po’ di fantasia e qualche rapido calcolo abbiamo provato a tirare fuori dal cilindro un “mini progetto”. Si tratta di una semplicissima proposta, magari non risolutiva, ma perché non tentare?

Il “progetto”, che non richiede grandi spese, prevede la realizzazione di due distinte aree delimitate da salvagenti pedonali; una per il bus e l’altra per le auto in modo da razionalizzare lo spazio.
Quella dei bus sarebbe a ridosso dell’angolo della piazza in maniera da consentire il parcheggio del mezzo in retromarcia; l’altra area, più ampia, consentirebbe invece la sosta ordinata ad un buon numero di auto.

Il mini-progetto prevede anche che alla fine di Via Panattoni ci sia uno “stop” (onde diminuire il rischio costante di incidenti) e che tutta l’area, parcheggi esclusi, sia zona rimozione. Niente di grandioso e forse neppure di originale: ma sempre meglio di niente.

progetto-azzarita.jpg

Francesco Gargaglia
                                            © riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

9 COMMENTI

  1. no auto in quarta fila, per chi arriva da via panattoni la visuale della strada è completamente negata! il commissariato c’è sempre stato ma le auto non parcheggiavano,più multe .Alcune auto sono dei poliziotti!!

  2. Il fatto, e lo dico da chi al Villaggio dei Cronisti è nato e cresciuto, è che moltissimi dei proprietari dei villini hanno illegalmente frazionato i loro immobili in mini appartamenti. ecco allora che, là dove prima abitava una famiglia (mediamente due vetture, tenendo conto anche dell’età media elevata dei vecchi proprietari) ora ne abitano tre o quattro e le vetture sono diventate se, sette o addirittura otto. Considerate che i villini non hanno quasi mai posto auto privato e il gioco è fatto. Per risolvere, basterebbe un puntuale controllo dei vigili, su incarico del catasto, porta per porta per tutta via Panattoni, verificando, sanzionando e rimuovendo tutte le situazioni (moltissime note) di abuso. E la piazza tornerebbe come prima. Semplice e redditizio per l’erario che incasserebbe parecchio dalle sanzioni irrogate sugli affitti illegittimi e sulle modifiche agli immobili mai autorizzate.

  3. La soluzione forse arrivera’ e sara’ radicale ,in quanto probabilmente il Commissariato andra’ via ,visto che gia dal 95 e’ sotto sfratto esecutivo visto che il miliardo di vecchie lire annue non bastava al proprietario dell’immobile e adesso forse sara’ stato anche raddoppiato ,pero’ si sta cercando un nuovo edificio in zona ,piu’ probabilmente decentrato oppure accorparlo con quello di P.Milvio . per quanto riguarda la soluzione del parcheggio diviso proposta sopra e’ inutile in quanto l’atac non lo farebbe fare e comunque l’incivilta’ degli avventori lo renderebbe comunque inutilizzabile con ulteriori blocchi alla circolazione .-

  4. Baterebbe una mattinata di lavoro per un paio di vigili accompagnati da un ispettore catastale equipaggiato di mappe e il problema sarebbe risolto. Con gran beneficio per le casse del Comune vista la mole di contravvenzioni che verrebbero elevate.

  5. Piazza Azzarita non mi risulta sia nata come parcheggio, concordo con chi ha detto che la maggior parte sono macchine dei poliziotti e poi mi risulta che lo stop a fine via Panattoni ci fosse già . . .

  6. è evidente che quella mappa non funziona a partire dall’autobus: ammesso che ce ne sia uno, immaginatevi solo come possa fare manovra (cosa già difficile ora)

    sì sa che lì non è una situazione facile, molti condomini e villette non hanno neanche il posto macchina

    è anche vero che lungo la via ci sono alcune macchine abbandonate da tempo e che se abiti lì eviteresti di comprare il suv.

  7. Il problema parcheggio è nato quando IL COMMISSARIATO, pochi anni fa, HA TRASFORMATO I SUOI GARAGES IN UFFICIO STRANIERI. Le macchine davanti al commissariato e in seconda fila di giorno sono TUTTE dei poliziotti (ovviamente oltre a quelle di servizio, che sono molto poche) e se la municipale facesse ANCHE A LORO le multe, costringendoli a prendere l’autobus come deve fare normalmente che lavora in centro, il problema non ci sarebbe.
    Lo stop è già d’obbligo: venendo da via Panattoni bisogna dare la precedenza a destra come da codice della strada e l’unico modo, vista l’assenza di visuale causata dall’angolo del palazzo, è fermarsi.
    Grazie a chi ha fatto il progetto, che purtroppo non funziona causa eccesso auto dipendenti commissariato: la sera il problema non c’è e non nasce dagli utenti che si alternano in macchina per rinnovare il passaporto o altro. L’ufficio passaporti è aperto anche il pomeriggio, ma il problema parcheggi c’è solo la mattina, quando il commissariato ha tutti i dipendenti presenti.
    Nessuno vuole che il commissariato si sposti, sono i benvenuti, ma siano i primi a rispettare la legge!!!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome