Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 15 aprile

Li sette giorni der 15 aprile

Lui legge, medita, rimurgina le notizie e le mette in versi per sei giorni di fila, dal lunedì al sabato. Poi, la domenica, esonda. Di chi parliamo? Ma del nostro sor Berti  perbacco, il vernacoliere più noto di Roma che ogni settimana vi ripropone con sette quartine in romanesco le sette notizie più interessanti degli ultimi sette giorni. Buona lettura e buona domenica.

‘A stampa cià raggione, l’ATAC nun cià torto:
pare propio ‘n titolo paradossale pe’ ‘sta nova,
ma, leggenno er pezzo, tutto è meno contorto
e se deduce che vuccibbì ‘a magagna te scova!
Vuccibbì cià raggione, l’ATAC nun cià torto (?)

Nascheno come li fonghi li centri commerciali,
anche ne li pressi der mausoleo der gladiatore;
ne faranno uno a unnici piani a li Fori Imperiali
che surclasserà er Colosseo cor suo splendore?
Centri commerciali come fonghi.

Ma mica ciavemo bisogno de quarche rondine
pe’ capì quanno ariva da noantri ‘sta primavera!
Bbasta vardà ‘a fine che fanno norme e ordine
quanno a Ponte Mollo ‘a movida ariva de sera.
‘Na rondine nun fà primavera, ‘a movida sì.

Ma perché ce s’ostina a sostenè co’ pervicacia
che ‘sta recessione scura ‘gni lavoro spazza via?
Certe attività sò svorte co’ costanza e efficacia
e dar centro s’allargheno alegre puro in periferia.
Er lavoro mobbilita er parcheggiatore abbusivo.

Aritorna er festival de li fiori in zzona La Storta:
Floracult, de nome, de cognome e patronimico,
va visitato co’ soddisfazzione armeno ‘na vorta,
si sete allergici, però, muniteve de antistaminico.
Floracult a La Storta.

Via de Quarto Peperino dimostra urteriormente
come a noanti viè arigalata sempre ‘sta certezza
rispetto a la quale ciaschiduno resta indifferente:
Roma Nord arimane er paradiso d’a monnezza!
Certezza in sempiterno fà rima co’ monnezza.

Er bollettino meteo a li dubbi nun lassa scampo:
piova, piova e de novo piova ner fine settimana!
Certo, ficcato in casa o sotto l’ombrello campo,
ma de sicuro nun me se fracicherà l’amatriciana.
Piova, piova, piova…

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome