Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 12 febbraro: er vernacolo ‘mbiancato

Li sette giorni der 12 febbraro: er vernacolo ‘mbiancato

Neanche la neve riesce a gelare la vena ironica del nostro vernacoliere! Eccoci dunque al consueto appuntamento della domenica col nostro scanzonato Sor Berti e le sue quartine i romanesco. Le prime quattro dedicate alla prima nevicata, le successive alla seconda. E a seguire c’è anche “un bonus”  con il quale la redazione augura una buona domenica.

Ereno in trecento e passa a spalà ‘a neve,
mentre in città ereno bloccate intere zone;
er giocherello italiano fermà mica se deve:
in saecula saeculorom vince Santo Pallone.

‘Sta partita s’ha da fare!

‘A nevicata forte forte der tre de febbraro
disaggi ar naso e puro ‘a gola ha arigalato;
fiocchi su fiocchi, evento p’a capitale raro,
e l’Insugherata diventa un reame incantato.

L’Insugherata sotto ‘a neve

Lassateme spalà co’ ‘a pala mia in mano,
canta er sinnico imitanno Toto nazzionale;
quello che è successo l’artro dì a Cesano
l’avevo veduto in un vetusto cineggiornale.

Er sinnaco spala puro a Cesano…

In data sette de febbraro in zona La Storta
er ghiaccio causava probblemi ar cammino:
potevi annà lungo e pijatte ‘na brutta storta:
quant’è vero che ner nome leggi er destino!

La Storta cor ghiaccio: nomen omen

Tutti cor peperone a l’inzù a indagà er celo
ne l’attesa elettrizzante d’a siconna nevicata.
Fiocca? Quanno? Indove? Brrr, cche gelo!
Er meteo de Roma Nord? E’ su ‘sta testata.

Er meteo su vuccibbì

Ar pomeriggio, venerdì dieci de febbraro,
se cerca de comprà ‘na pala in feramenta,
attrezzo utilissimo, assai più unico che raro,
pe’ libberasse de ciò che porta ‘a tormenta.

A.A.A. se cerca pala disperatamente

Anfatti, de pomeriggio, ‘a bufera è arivata
a Grottarossa, ‘a Storta e puro ‘a Cesano;
stavorta ‘a situazzione era più organizzata
e puro er servizzio giardini dava ‘na mano.

Arinevica a Roma Nord

‘E NEVICATE DER ’12

Ammazza che freddo, me se congeleno li penzieri,
diceva sor Furgenzio poco prima de cadè pe’ tera;
quanno che poi se riarzava, se scatenava ‘a bufera
e er monno circostante smetteva d’esse come jeri.

E mò come aritorno a casa dopo che ho lavorato?
Se dimannava ‘na ciumaca dar soriso sì grazzioso:
me se prospetta ‘n viaggio a dì poco avventuroso
e manco l’ombra d’un mezzo ATAC ho avvistato.’

A Storta, Cesano, in via Cassia, ‘A Giustiniana:
‘i quartieri de Roma Nord m’aricordeno Cortina
e s’arimane in anzia verace a causa der ghiaccio..

Ner mentre, Ponte Mollo se dice: sai che faccio?
M’incanto a vardà der fiume ‘e candide banchine
e continuo a conservamme ‘o scettro e ‘a corona.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome