Home ARTE E CULTURA Li sette giorni de l’8 Gennaro

Li sette giorni de l’8 Gennaro

Anno nuovo vita nuova, ma non per sor Berti, il nostro scanzonato vernacoliere. Lui, imperterrito, resta legato al tradizionale appuntamento con i nostri lettori proponendo loro ogni domenica le sette notizie più curiose degli ultimi sette giorni rielaborate in sette quartine in stretto dialetto romanesco. E con il Vernacolo di oggi la redazione augura nuovamente buon anno e felice domenica.

Ecchite ‘a befana organizzata dar muncipio venti:
giocojeri, burattinai, pajacci e carza cor gettone;
‘na spesa inzenzata consideranno ‘i tempi corenti:
ar sor Giacomini e soci incora ‘na vorta carbone!
‘A Befana der municipio venti

‘A zzona settentrionale de Roma è esotica assai
si ‘a sabbia inzieme a l’acqua sorte dai rubbinetti;
nun ve fà penzà a ‘na vacanza passata a Dubbai
e ar vennitore arabo de perline e de braccialetti?
Acqua e sabbia dai rubbinetti…

Ecco ‘n’idea bbona assai pe’ er professor Monti:
pe’ chi rubba drento ar conzorzio ‘na tassa nova;
facennose co’ cautela ‘na serie de carcoli e conti,
‘na discreta quantità de quatrini puro là se scova!
‘Na gabbella sui furti ar conzorzio Case e Campi?

Principieno li sardi a Roma e tutti a cercà li sconti:
er majone costa meno penzanno a li prezzi de jeri,
me posso permette ‘sti carzoni, facenno du’ conti?
E quanno ariveno ‘i sardi sur salario dei concijeri?
Sardi a Roma, ma non su tutti l’articoli..

Puro l’anno novo devo trovà ‘a rima co’ monnezza
parlanno riguardo ai giardini de Tomba de Nerone;
accesso sbarato e ‘a discarica è incora ‘na certezza:
ma è possibbile che nun cammia più ‘sta situazzione?
Anno novo, certezze vecchie..

Ecchite der municipio li tre stakanovisti, tanto pe’ dì:
ar primo posto Marco Tolli, siconno Ariola Simone,
quest’urtimo piddielle, quell’antro militante der piddì,
quinni sor Pica è medaja de bronzo, pe’ a pricisione!
Li stakanovisti der municipio venti

Vojo concrude co’ ‘na notizzia bbona ‘sta settimana:
‘n’ aquila ferita viè sarvata drento ar Parco de Vejo,
curata co’ amore, te ne volerai via libbera e lontana
a cercatte un posto che der municipio venti sii mejo!
E l’aquila volerà via…

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome