Home ARTE E CULTURA Li 7 giorni der 21 novembre

Li 7 giorni der 21 novembre

Le notizie più interessanti degli ultimi sette giorni riassunte dal nostro vernacoliere, sor Berti,  in sette quartine in stretto romanesco.  La matematica non è un’opinione, quanto fa 7x7x7? Non serve la calcolatrice, il risultato è noto: fa il Vernacolo di VignaClaraBlog.it, l’appuntamento di ogni domenica.

Sant’Andrea, sii bono e fà ‘na grazzia a li cittadini,
te chiedemo ‘na prova concreta de gran coraggio;
doppo er secchissimo no ar presidente Giacomini,
arzace ‘sta sbaraccia e nun ce fà pagà er pedaggio! (Sant’Andrea aiutece tu!)

A proposito de gabbelle, preparamo lo spicciume:
‘sta storia der raccordo che se paga è un marasma!
Si sei pendolare t’offreno l’arternativa der luridume:
pijete er treno lercio o aspetta la coriera fantasma! (er pedaggio sur GRA)

Er doppio senzo nun je sfaciola, a l’amministratori:
è sinonimo de equivico, solo bono a fà confusione;
a spiegallo però annassero a tutti quanti li guidatori
che a Corzo Francia adascio sfileno in pricessióne. (senzo unico senza senzo)

Intratanto li cassonetti gialli arimangheno pe’ strada,
co’ tutto che ‘sta nova ha fatto davero gran rumore;
ficcamoce drento ‘na tonaca poco frusta de Prada:
forze accosì se decide a portalli via er monzignore! (reverendi cassonetti)

– Nun criticamo l’ACEA: è un’azienna sorprendente
e in certe zone vole ricreà l’atmosfera de l’ottocento!
– Ma a Labbaro appicciamo le cannèle: è indecente!
– Daje, paga dazzio e te perdi Vespa: essi contento! (Labbaro e le cannele)

Ariveno pe’ le strade de l’urbe li novissimi cassonetti:
addiventeranno cabriolè diffonnenno er tipico odore?
E ne le vicinanze arbergheranno carcasse e divanetti?
D’accordo anneronno co’ quelli gialli de monzignore? (li cassonetti novi)

considerazione personale dell’autore
Le strade de noantri scombineno tutte le convenzioni:
mentre la sora co’ la farce prima era l’unica sicurezza,
mò, invece, cammianno li tempi, in tutte le situazzioni
de certo ce sta, ortre la morte, la tassa e la monnezza.

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma
Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome