Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 14 novembre

Li sette giorni der 14 novembre

Spogliatosi dei panni del critico cinematografico – suoi sono infatti tutti i servizi sul recente Film Fest di Roma pubblicati da VCB (clicca qui) –  Giovanni Berti, alias sor Berti er vernacoliere,  torna all’appuntamento domenicale delle 12 con il Vernacolo di VignaClaraBlog.it, sette quartine per le sette notizie più interessanti di Roma Nord degli ultimi sette giorni.

Prosegue er giallo der cassonetto giallo:
se dimanna de sgomberà er contenitore
e, scatenatissimo drento la sala da ballo,
se la canta e se la sona sor monzignore. (buttece ‘n’ occhio…)

Indo’ stanno de Tor de Quinto l’assassini,
quelli che l’arberi d’estate hanno trucidato?
Forze sarebbero bboni pe’ accoppà li pini
o nun se smoveno solo pe’ un caso isolato? (er pino inclinato)

Nun ciabbastava er primato de la centralina,
ciavemo ‘n antro record e tutti resteno muti!
Pe’ li sgrulloni venuti giù sera, notte e matina,
trionfamo a la grande puro pe’ l’arberi caduti! (li primati nostri…)

Sor Berti ve spiattella la verità nuda e cruda
e nun cià er timore de qualunquesia smentita:
più denzo de inzidie de quello de le Bermuda
è er triangolo Cassia, Du’ Ponti, via Azzarita! (l’ingorgo infinito..)

A riunisse aritorna der ventesimo er concijo:
se ciancica de mobilità co’ ottimo tempismo,
ma lo scrivemo chiaramente co’ l’usuale pijo:
in sempiterno er busilli sta ne l’immobbilismo. (er concijo…)

Amancherà ‘n antra vorta er nummero legale?
Oppuro sor Giacomini escoggiterà la penzata
de fà come fece lo scorz’anno Raffa nazzionale?
Se opre le porta e ne la sala ecco la carambata. (Giacomini vs. Carrà)

Ma è la Tomba de Nerone o der sor Mariano?
De la discarica abbusiva quarchiduno se cura?
Fra er materasso lercio e lo schertro der divano
der senzo cittadino sta la zozzissima sepportura. (mica gioco…)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome