Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 24 ottobre

Li sette giorni der 24 ottobre

Come consuetudine di ogni domenica, ecco le 7 quartine in romanesco relative alle 7 notizie più interessanti pubblicate da VignaClaraBlog.it negli ultimi 7 giorni e come di consueto i versi, l’ironia e la simpatia sono del nostro scanzonato vernacoliere, sor Giovanni Berti. Buona domenica. 

Cassonetti stracormi, strapittati e cassonetti mancanti,
cassonetti che fanno da soggiorno co’ li divanetti rossi;
cassonetti cabriolè, in sempiterno zozzi e maleodoranti,
e mò l’urtimissimo grido: cassonetti cristiano ortodossi! (si propio nun ce credi…)

Febbrone a quaranta gradi? Un doloretto ar core?
Codice rosso o giallo? Ma nun sarà indiggestione?
Me sa propio che ciò urgente bisogno der dottore!
Prima però vardo su internette com’è la situazzione! (arinfreschete la memoria!)

Se penza de creà un unico, gigantesco, centro RAI,
la tivvù che de tutto e puro de più manna pe’ l’onda;
sò bastian contrario, e ce lo so, ma nun vorei sia mai
se vedesse er firmaccio “Saxa Rubba parte seconda”. (smiccia la notizzia!)

Un ber giorno la monnezza nun sarà indistinto ammasso:
quanno che se passerà da l’indifferenza a la differenziata
pe’ quarchiduno se tratterà sortanto de un piccolo passo,
ma sarà ‘no zompo gigantesco pe’ l’intera municipalizzata! (si sei marfidato.. fai bene!)

Er tempo è relativo, lo scriveno tutti quanti li scienziatoni,
accosì puro la data de fine smaneggi addiventa indicativa
senza che a la stazzione de Labbaro se fermeno li vagoni:
annà contro Einstein nun è propio bona e savia inizziativa! (mica aricconto fregnacce)

– Sor Flami’, ciavrai puro l’aquile, la lupa e cinque arcate..
– Ah sor Ponte Mollo: vieni ar dunque che ciò puro fretta..
– E te, Sor Duca d’Aosta, ciavrai puro le battaje istoriate..
– Amo capito: e te mò ciai puro er sito uebbe de la toretta… (mica me lo sto a inventà)

La vita spesso è sortanto ‘na questione de piccoli dettaji:
accosì le stelle arigaleno maravije ne le Valli der Sorbo; (ora un doppio clicche qua)
ma, nun sia mai, si toji ‘na consonante, si pe’caso te sbaji,
te aritrovi pe’ via Baccanello, guasi completamente orbo. (..eppoi ‘n’antro qua)

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. che bello rinfrescare la lingua ufficiale della capitale, il romanesco. ritengo indispensabile anche se io sono di adozione. sono felicissima appartenere
    a questa circoscrizione, sono sempre informata degli avvenimenti, grazie a VignaClaraBlog.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome