Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 18 lujo

Li sette giorni der 18 lujo

Più esilarante che mai, più frizzante che mai, anche questa domenica torna a deliziarci er Sor Berti con le sue 7 quartine in romanesco – delle vere pasquinate – relative alle 7 notizie piu’ interessanti degli ultimi 7 giorni. Il motto è ormai uno standard: 7x7x7 quanto fa? Fa il Vernacolo di VignaClaraBlog.it: lo leggi in 2 minuti e ridi per i successivi 7. 

Er cavajere s’è affittato er castellone de Tor Crescenza
pe’ trascore le ferie nun troppo lontano da l’afa romana;
certamente, donne e ospiti inviterà a l’estiva residenza:
ne sortirà fora puro Giacomini co’ in cranio la bandana?  (clicca qui per l’articolo)

Limpida la poi ascortà sopra l’Everest e le Ardenne,
se sente in tutto er pianeta, ne fanno un vero vanto
de divurgà ‘lassate li pargoli venì a Me’ co’ l’antenne:
vabbene, ma solo si e quanno sò vecchiarelli tanto!    (ora qui)

“Che dice, sor Cajo, come acchittamo la palazzina?
carcestruzzo a raffica e la pittamo poi de color ocra?”
“Vabbene, eppoi ce piazzamo er cartello ‘na matina:
sur verde, noi ce mettemo ‘n fracco de pietre sopra!”   (ora qui)

Aritorna a dì la sua, a fà sentì la voce, sor Presidente,
che una cosa sortanto chiede a l’esasperato cittadino:
de aspettà quarche mesata, de nun esse impazziente,
de chiede invece der certificato, cornetto e cappuccino!  (adesso qui)

– Ahò, me tocca scenne a manifestà contro ‘sta callara!
– Forza, sor Tizzio, lo famo pe’ la dignità de via Gradoli!
– In via Mastriji contro ‘n’accento differente fanno la gara!
– E che volete, tutti quanti, vive ne li giardini de Bobboli?  (poi qui)

De sera e notte, soppressa l’ambulanza a Prima Porta,
lo scrive er quotidiano nostro, quinni è un fatto veritiero;
è un ber probblema, sor Cajo, nun è più come ‘na vorta:
a quell’ora trovi le cancellate sprangate puro ar cimitero!  (ancora qui)

Se basa tutto quanto su volello, su una scerta volontaria:
chi c’ha le gambe brutte se oppone a troppa trasparenza!
Così er rapporto fra eletti e elettori finisce a gambe a l’aria
e, senza mostrà manco un porpaccio, ariva a l’indecenza!  (ed infine qui)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome