Home CRONACA Cinghiali, il Campidoglio denuncia la Regione Lazio: “Impegni non rispettati”

Cinghiali, il Campidoglio denuncia la Regione Lazio: “Impegni non rispettati”

cinghiali-via-cortina-d'ampezzo

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha presentato oggi un esposto in Procura contro la Regione Lazio in relazione alla gestione dei cinghiali nelle aree urbane “ricadenti nel territorio di Roma Capitale”.

A quanto si apprende, secondo l’amministrazione capitolina la “presenza massiccia e incontrollata dei cinghiali” in città sarebbe “conseguenza della mancata previsione e/o attuazione da parte della Regione Lazio di efficaci piani di gestione“. Il riferimento è all’articolo 19 della legge 157 del ’92 che prevede che siano “le Regioni a dover provvedere al controllo delle specie di fauna selvatica anche nelle zone vietate alla caccia“.

Nell’esposto finito sulla scrivania dei magistrati della Procura, il Campidoglio afferma, inoltre, che la Regione Lazio “risulterebbe inoltre inadempiente al Protocollo d’Intesa sottoscritto con la Città Metropolitana di Roma Capitale e Roma Capitale” che prevede che sia appunto l’ente regionale “a dover predisporre piani di gestione nelle aree ricadenti nel territorio di Roma Capitale e a dover individuare strutture regionali in grado di ricevere gli animali vivi, catturati nell’ambito delle attività di controllo numerico“.

Ma è pur vero che sulla base dello stesso protocollo d’intesa sottoscritto a settembre 2019 il Campidoglio si era impegnato, fra l’altro, a individuare una mail e un numero telefonico dedicati ai cittadini per segnalare la presenza di cinghiali in città, e questo non è avvenuto tant’è che chiunque abbia questa intenzione si trova ancora oggi sballottolato da un centralino all’altro alla ricerca di un valido interlocutore.

Ma non solo, il Comune si sarebbe dovuto adoperare per evitare la presenza di rifiuti organici e non nelle strade di Roma, prima fonte  di alimentazione dei cinghiali, e a provvedere alla pulizia delle aree pubbliche con particolare attenzione alle aree verdi. E anche questi impegni, stando alla cronaca, paiono assai disattesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 COMMENTI

  1. La sindaca Raggi non ha mai ragione! La presenza di cinghiali, come detto in maniera corretta nell’articolo, è dovuta alla massiccia presenza di rifiuti in strada (se non ci fossero i rifiuti i cinghiali non avrebbero ragione di bazzicare strade e piazze). Il fatto è che anche per i rifiuti in strada, a dire della sindaca, la colpa è della regione. E cosi, regione e comune, per rifiuti e cinghiali, si fanno la guerra mentre i cittadini che pagano le tasse (e gli stipendi di presidente e sindaco) se la prendono in quel posto….

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome