Home VIGNA CLARA La vicenda della stazione Vigna Clara in Parlamento

La vicenda della stazione Vigna Clara in Parlamento

stazione-vigna-clara-new

L’antefatto è noto: come abbiamo scritto pochi giorni fa, alla fine dello scorso giugno il collegio dei tre esperti incaricato dalla terza sezione del TAR Lazio di relazionare su tutte le opere realizzate nella stazione Vigna Clara e sulla tratta fino a Valle Aurelia dal 1990 ad oggi, ha alzato le mani dicendo che entro la scadenza del 30 giugno non ce l’avrebbe mai fatta.

I tre esperti hanno chiesto una proroga e i giudici amministrativi gliel’hanno concessa fino al 15 settembre, spostando così l’udienza per il giudizio di merito su i due ricorsi pendenti dal 25 ottobre al 6 dicembre.

Al che, il senatore PD Walter Tocci ha preso carta e penna stilando un’interrogazione al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, chiedendo di sapere quali iniziative il Ministro intenda prendere per evitare ulteriori ritardi nell’attivazione della linea ferroviaria Valle Aurelia – Vigna Clara e se intenda informare i cittadini sulla conformità dell’opera e i requisiti di legge riguardo ai problemi statici e ambientali, nonché alla dotazione di idonee tecnologie anti vibrazione e di contenimento della dispersione elettrica.

Questo perchè “La linea ferroviaria in questione – scrive il senatore Tocci nella sua interrogazionepresenta un’innegabile valenza strategica per il comune di Roma e permetterebbe di concludere un importante tratto dell’anello ferroviario, collegando il quadrante nord con il resto della città. La nuova linea, connettendo tale area urbana con il sistema dei trasporti pubblici della capitale, determinerebbe, inoltre, un minore inquinamento derivante da polveri sottili e da ossidi di azoto, in virtù dell’ipotizzabile tendenza alla riduzione del trasporto privato...”

In attesa della risposta del Ministro e nell’ipotesi del via libera da parte del Tar intanto si discute di come meglio adeguare strade e piazze attigue alla stazione Vigna Clara affinchè viabilità a aree di parcheggio siano consoni al numero di viaggiatori atteso.

Il tema sarà all’ordine del giorno del Consiglio del Municipio XV che si riunirà martedì 25 luglio per dibattere la riprogettazione e la riconversione delle aree adiacenti alla ferrovia in posti auto; la messa in sicurezza, anche dal punto di vista pedonale, di Via Monterosi; la riqualificazione ambientale delle zone attraverso la piantumazione di alberi e la creazione di aree di sosta; la tutela e la regolarizzazione del mercato rionale di Piazza Diodati tramite un piano di riqualificazione e ristrutturazione della piazza.

Siete tutti invitati a partecipare numerosi” è l’appello ai cittadini del Comitato “Un anello per Roma” costituitosi mesi fa e protagonista di tre manifestazioni pro apertura stazione e riattivazione della tratta, l’ultima delle quali proprio sotto le finestre del TAR.

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Vedo con piacere che la scandalosa questione di Vigna Clara comincia a farsi strada anche a livello parlamentare, e ringrazio VCB per l’attenzione che mantiene su questa vicenda.
    Il 25 luglio abbiamo l’occasione per portare la questione nel Consiglio Municipale e chiedere un pronunciamento che, nel rispetto ovviamente delle prerogative della Giustizia Amministrativa, metta in evidenza il rilevante interesse pubblico di quella linea per il nostro territorio, e non solo, e chieda un rapido pronunciamento al TAR e i necessari stanziamenti al Parlamento per il completamento della linea e l’allaccio alla ferrovia Roma Nord in corrispondenza della stazione Tor di Quinto.
    Mi associo quindi all’appello alla partecipazione del comitato Un Anello per Roma.
    Comitato Ambiente e Legalità – Ponte milvio

  2. In quanto abitante del quartiere, prendo nota con piacere che alcuni comitati della zona stanno finalmente aprendo gli occhi sullo scandalo del fermo pluriennale della stazione e del parcheggio, e sul conseguente blocco dell’anello ferroviario di Roma.
    Adesso è il momento di suonare la sveglia al Consiglio Municipale; e che questo rappresenti istituzionalmente gli interessi dei cittadini con la Sindaca, che dovrebbe farsi sponsor di un’opera così essenziale per il ripristino della mobilità sostenibile.

  3. Gentili Signori,
    ora che la questione è stata portata in parlamento ed all’attenzione del Sig. Ministro dobbiamo approfittare della seduta del Consiglio Municipale per partecipare numerosi e far sentire la nostra voce, affinchè anche le strutture locali possano dare una direzione precisa a questa iniziativa: treno e poi parcheggi.
    Non credo che chi abita a Vigna Clara, Vigna Stelluti, Corso Francia vorrà portarsi la macchina sul treno per raggiungere il posto di lavoro.
    Quindi i posti macchina dei residenti non li ruba nessuno. Il parcheggio di piazza Deodati viene ricostruito appena i Signori Giudici del Tar sbloccheranno la linea.
    Allora si sbloccherà il parcheggio e partirà la pratica burocratica per il secondo binario.
    Ed allora si che si potrà parlare di Anello Ferroviario, dato che RFI non si sta certo fermando nell’iter della stazione di Tor di Quinto e del viadotto Omonimo.
    Quindi in sede di consiglio municipale dobbiamo essere ben attenti affinchè i politici non devino l’obiettivo dal treno alle “machine” tanto care ai ricorrenti.
    Stefano Testi
    Comitato Un anello per Roma

  4. Con la presente si comunica che è stato organizzato un dibattito pubblico sull’Anello Ferroviario e sulla linea Valle Aurelia – Vigna Clara all’interno della Festa del Partito Democratico con la partecipazione di Daniele Torquati, Stefano Testi ed altri personaggi impegnati nella realizzazione delle infrastrutture per il trasporto.
    L’appuntamento è previsto per il giorno lunedi 18 settembre alle ore 18.00 presso il Macro a Testaccio in Piazza Orazio Giustiniani, 4.
    La manifestazione è posta a valle della presentazione della relazione che la commissione deve presentare al TAR del Lazio entro il 15 settembre e di cui si spera che si conosca subito l’esito.
    Contiamo anche sulla partecipazione di RFI per dirimere questioni tecniche e fugare dubbi.
    Partecipate e fate partecipare numerosi!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome