Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 28 agosto, torna il Vernacolo di VCB

Li sette giorni der 28 agosto, torna il Vernacolo di VCB

Dopo la pausa estiva, eccoci al consueto appuntamento domenicale con il Vernacolo di VignaClaraBlog.it: le sette notizie più interessanti degli ultimi sette giorni riassunte in sette quartine in stretto dialetto romanesco grazie alla sottile ironia del nostro sor Giovanni Berti. Un modo scanzonato per ripercorrere gli ultimi avvenimenti. Buona domenica.

Jeri l’artro m’è venuta voja de famme ‘na curtura, sor Cajo,
accosì co’ l’intenzione de annà a Viterbo er treno ho preso,
ma poi a Monte Antenne me ne sò sceso, e mica pe’ sbajo:
ner vedè tutto quer rame novo er core mio me s’è riacceso!
le attrattive de Monte Antenne…

De ‘na fraccata de quatrini, indirizzati a le fasce più indifese,
da quarche tempo s’è perza traccia e nun ce sò più notizzie;
sur quotidiano nostro le quistioni in merito se fanno accese:
l’avrà destinati sor Presidente a la guera contro la carvizzie?
sprechi veri o presunti tali…

– E statte fermo! Rinfodera ‘ste mano, e quanto sei nojoso!
– Core mio, eddaje su: unimo appiccicume a appiccicume!
– Ma statte zzitto e bbono che già er clima è troppo afoso!
– Forza: li sposi hanno da esse come er tuorlo coll’arbume!
quanno l’afa mette in crisi er matrimogno…

Agguanta penna, inchiostro e calamaro, er sor Carlo Maria,
e penza a le missive puro quanno riccoje li funghi ner bosco;
invita puro er sor Barack e la Pellegrini a stabilisse ne la via
e nisuno s’azzardi, manco pe’scherzo, a dije: zzitto e Mosco!
zzitto e Mosco!?!?

La padella grossa ce sta, come puro la cipolla e ‘r guanciale,
presente arisponneno pepe, sale e peperoncino a piacimento,
aceto e pommidoro ecchiteli, li bucatini stanno su lo scaffale:
che gran soddisfazzione, a le vorte, dedicasse ar cenzimento!
er cenzimento che piace a me…

Me sa che li carabbinieri de cinema nun ce capischeno mica,
artrimenti ‘e manette nun l’avrebbero tirate fora co’ tempismo:
ma perchè hanno messo drento ‘ste appassionate de De Sica,
ch’hanno voluto arifà un ciak der capolavoro der neorealismo?
ladre de biciclette..scena 67…ciak..azzione

Agosto, mese der meritato riposo e de l’agognata villeggiatura,
arigala a noantri er refriggerio de li monti e der mare la brezza
ner mentre che ne l’urbe sò scatenati co’ de l’arberi la potatura
e l’AMA sotto er sole cocente riccoje tonnellate de monnezza!
potature d’agosto

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome