Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 28 Febbraro

Li sette giorni der 28 Febbraro

Non ha più bisogno di presentazione ormai. Il Vernacolo di VignaClaraBlog.it è l’appuntamento fisso domenicale delle 12, quartine in versi romaneschi che fanno il verso alle notizie dell’ultima settimana. Ed il Vernacoliere, alias er sor Berti, suggerisce di sorseggiarle assieme all’aperitivo delle 12,  ma facendo attenzione a non strozzarsi per un eccesso di risata. Buona Domenica.

A via Gradoli se metteno in posa du’ genitori premurosi:
Sor Giacomini, corvatta viola, e Sor Ciardi emozzionato;
su l’avvenire de l’elettronico pupetto sò più che fiduciosi
e cò l’occhi pieni de ariguardi e cure culleno er neonato. (leggi qui)

L’Argida ha deciso de festeggià accosto a Ponte Mollo
cinquant’anni de cori de panna e saporosissimi cornetti;
stampamolo a lettere chiare, co’ tanto de timbro e bollo:
in sempiterno evviva li gelati boni e abbasso li lucchetti!  (qui)

Ditta avvisata è mezza sarvata, der popolo è saviezza,
accosì, è mejo fà li smaneggi come decenza comanna,
rifà come se deve er manto, sennò la murta è certezza,
e evità che la strada addiventi pur’essa core de panna!  (qui)

Finarmente li bandi pe’ un fracco de lavori sò pubblicati:
er sor Giannetto va cercanno in giro cinquasette dietisti!
Ma, ando’ stanno tutti ‘sti chili che deveno esse bruciati?
Er sinnaco è farzo magro? De la ciccia vò fà un repulisti?  (qui)

Ma chi se occuperà de li smaneggi al liceo Farnesina?
Forze un architettone de grido, Fuksas o Renzo Piano?
Abbisogna fà in magnera de nun facce piove la matina
e che le sorche nun se unischeno a le lezzioni de itajano.  (qui)

Er Convitto Nazzionale mette ‘n piedi er corzo de cinese:
avanzeno li tempi novi e rapidamente cammiano le cose;
ce stà ‘n’antra lingua dà studià, inzieme a quella ingrese,
e puro da ribattezzà la piazza: Monte Grappa…a le rose!  (qui)

Allora, sor Pica, vedemo se fila bene er raggionamento:
lei entra come se gnente fosse, soridente a tutti quanti,
poi, data la professione sua, li persuade a restà drento
e fora nun li fà sortì si nun stabilischeno cose importanti. (qui)

*** riproduzione riservata ***
Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome