Home CRONACA Stazione Vigna Clara, RFI: “Aprirà entro il 2020”

Stazione Vigna Clara, RFI: “Aprirà entro il 2020”

stazione-vigna-clara

A precisa domanda: “quando partirà il primo treno?”, Marco Torassa, Direttore Investimenti Area Centro – RFI, così ha risposto ai microfoni di Rossella Santilli, inviata del TGR Lazio: “entro il 2020“.

E’ andato in onda questa mattina nell’ambito della rubrica “Buongiorno Regione” del TG Lazio, un nuovo servizio sulla Stazione Vigna Clara, alla luce della sentenza del TAR pubblicata lo scorso 21 ottobre.

A chiamare in causa RFI erano stati il Condominio di via Cesare Ferrero di Cambiano 6, la Casa di Cura Ars Medica ubicata nella stessa strada e due cittadini a titolo personale che, rivolgendosi al TAR a inizio dello scorso giugno, pretendevano che  la campagna sperimentale iniziata da RFI per misurare le vibrazioni fosse svolta in contraddittorio con i loro consulenti tecnici e con i loro difensori consentendo agli stessi la partecipazione alle prove. Il Tar ha però sentenziato che non esiste nessun obbligo in tal senso a carico di RFI, dando così il via libera alle prove tecniche i cui risultati dovranno essere consegnati alla Regione Lazio e valutati e approvati dall’Arpa.

Prove che, stando a quanto affermato questa mattina dal rappresentante di RFI, “saranno effettuate nel prossimo mese di gennaio e dureranno una decina di giorni“. Dopo di che la parola passerà agli enti certificatori che se fossero celeri ad esprimere il loro parere potrebbero consentire la riapertura della stazione e la messa in esercizio della linea Vigna Clara – Ostiense a giugno 2020, con l’entrata in vigore dell’orario estivo.

Giugno 2020, un rendez-vous auspicato dal territorio. Più prudente è stata RFI che per bocca dell’ing. Torassa ha detto “entro il 2020“.

Nel frattempo, che sia entro giugno o entro la fine del 2020, diventa prioritario cominciare a mettere mano alle infrastrutture. Come rendere appetibile l’uso di questa tratta? Dove lasceranno l’auto gli utenti? Come potrebbero raggiungere la stazione i non automobilisti? Servono parcheggi, servono navette. E’ tempo di iniziare.

Oltre all’ing. Marco Torassa, alla diretta di Buongiorno Regione curata dalla giornalista Rossella Santilli hanno partecipato Cristina Tabarrini, comitato  “Un anello per Roma”, Carlo Angelini, comitato di quartiere “Stazione Vigna Clara e dintorni”, Daniele Ottazzi, Comitato Vigna Clara Fleming per la Mobilità, Claudio Cafasso, direttore editoriale di VignaClaraBlog.it.

Il video della diretta

Edoardo Cafasso

VignaClaraBlog.it

2 COMMENTI

  1. quante volte le abbiamo sentite queste parole…entro il…solo che cambia sempre l’anno.

    Allargando di poco via Monterosi adiacente alla stazione e con un altro ingresso già pronto si potrebbero fare i parcheggi a spina e sarebbero tantissimi perchè la via è molto lunga sennonchè verrebbe piu curata ed esteticamente piu bella perchè ad oggi è molto incolto il verde che c’è li e ci stazionano sempre senza tetto , rom etc… sporcando molto.

    Zingaretti ha detto che sono previsti 6 milioni di alberi nuovi a Roma qualcuno sa se ne metteranno a corso francia? perchè non ve ne occupate? a parte i nuovi lampioni brutti il verde sarebbe essenzale sia per l’immagine del viale che per lo smog..

  2. speriamo per il 2020 allora, magari giugno; pero che delusione non vedere accanto all’impegno di RFI e dei Comitati anche quello della Politica, dal Presidente del Municipio XV Simonelli al Presidente della Regione Lazio Zingaretti nell’interesse dei cittadini per l’apertura della stazione Vigna Clara ed il successivo completamento dell’anello ferroviario. Non considerano tali opere utili se non necessarie? Ritengono di non avere alcuna responsabilità o competenza davanti ai cittadini che rappresentano?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome