Home PRIMA PORTA Cremato per errore al Cimitero Flaminio, parenti chiedono 100mila euro

Cremato per errore al Cimitero Flaminio, parenti chiedono 100mila euro

cimitero flaminio reparto crematorio

21 aprile 2016: nel deposito del Cimitero Flaminio due bare sono una accanto all’altra e coincidenza vuole che i due defunti abbiano stesso nome e cognome e stessa data di decesso. Unica differenza l’età, uno 90 l’altro 92 anni. Le targhette apposte sulle bare sono esplicite ma non bastano  ad evitare un macroscopico, incredibile errore.

Il novantenne aveva espresso la volontà di essere cremato ma gli addetti, basandosi solo sul cognome, sbagliano bara e a finire in cenere è la salma del 92enne. Un errore inammissibile, una leggerezza ingiustificabile da parte degli addetti del Cimitero che aggiunge dolore su dolore nel cuore di una famiglia romana.

Alla stessa l’AMA, che gestisce i servizi cimiteriali,  fa le proprie scuse e comunica di aver depositato una denuncia all’autorità giudiziaria spiegando infine che “sarà inflessibile nel perseguire i responsabili della colpevole negligenza, nei confronti dei quali è stato avviato procedimento disciplinare”.

A distanza di due anni la Procura della Repubblica  ha archiviato la vicenda non essendoci, secondo il PM, ipotesi di reato a carico degli addetti. Ma la famiglia del defunto non demorde e la causa civile seguirà il suo corso: 100mila euro il risarcimento richiesto. La prima udienza si terrà il prossimo ottobre.

 

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome