Home PRIMA PORTA Escrementi, blatte e topi nel Cimitero Flaminio. Assotutela: “Faremo esposto in Procura”

Escrementi, blatte e topi nel Cimitero Flaminio. Assotutela: “Faremo esposto in Procura”

cimitero-flaminio-ingresso

Bare saccheggiate, salme cremate per errore, sporcizia, erba incolta, parenti alla ricerca delle lapidi tra rovi ed erbacce dove c’è chi giura di aver visto girare anche vipere… le cronache degli ultimi anni sono piene di titoli sul cimitero Flaminio di Prima Porta, un cimitero che, consacrato nel 1941, è addirittura considerato capolavoro di architettura cimiteriale contemporanea.

Eppure non c’è giorno che in una redazione dei tanti quotidiani romani non arrivi una segnalazione sul  degrado, sui disservizi, sulla mancanza di sicurezza, sullo stato di indicibile abbandono in cui versano alcune strutture interne del cimitero.

Non c’è giorno che non esploda la rabbia di chi non trova più il vaso di rame dove mettere i fiori, di chi trova la tomba di un proprio caro sommersa dalle erbacce, di chi subisce un furto, di chi vede un topo passare a qualche centimetro dai propri piedi.

Da anni, ogni tanto è stata annunciata una non meglio precisata opera di bonifica e riqualificazione, ma la situazione poi è rimasta sempre la stessa.

Ultima ad accendere i riflettori su questa annosa vicenda è l’Associazione di utilità sociale Assotutela il cui presidente, Michel Maritato, così annuncia: “Se il degrado e l’incuria nel camposanto di Prima Porta dovessero persistere, inoltreremo un esposto alla Procura di Roma”.

I cimiteri – sostiene Maritato – sono luoghi sacri di culto e di memoria dove i familiari possono ricordare e pregare i loro parenti morti. Purtroppo, lo stato di abbandono e di degrado in cui attualmente versa il cimitero di Prima Porta è davvero scandaloso, e assolutamente irrispettoso verso i vivi e verso i defunti“.

Dopo ave effettuato un sopralluogo, l’Associazione ha infatti constatato che il cimitero Flaminio  “è in molti tratti ridotto ad una indegna pattumiera, dove le tombe a terra sono circondate e spesso anche nascoste da rifiuti, erbacce infestanti, escrementi di animali, blatte e topi“.

Reputiamo inopportuno e fuori luogo costringere i cittadini a visitare i propri defunti in questo scempio” afferma Maritato dichiarando che si tratta di una “situazione ambientale che le istituzioni competenti, in primis Ama e Comune di Roma, devono immediatamente affrontare e risolvere con la dovuta urgenza“.
E se ciò non accade, “inoltreremo un esposto alla Procura di Roma”.

 

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Altro che scempio, erbacce, topi etc. Parliamo dei padiglioni con terrazzi rovinati per infiltrazione d’acqua, oculi assegnati a defunti odierni già rovinati dalle infiltrazione d’acqua tra i defunti del 1985 ed escrementi di piccioni che si annidano sulle lapidi poste in alto.Ho sepolto mio marito a maggio 2017 a soli 51 anni, dopo 5 di malattia, lascia una figlia di 12 disperata al vedere la foto del papà bagnata dall’acqua che scendeva dall’oculo di sopra.Ho protocollato reclamo agli uffici Verano. Bhaaaaaaa voglio lottare affinché mio marito riposi veramente in “PACE”… destino beffardo!? era un dipendente del COMUNE DI ROMA.

  2. Cose per chi non è preda della superstizione.
    Sia il Cimitero Monumentale del Verano sia quello di Prima Porta sulla Flamina sono enormi, vasti, in entrambi c’è il servizio traporti, navette o bus perché a piedi è davvero un’impresa raggiungere i propri cari defunti, in entrambi è consentito l’uso dell’auto ma a bassa velocità per garantire il silenzio rispettoso del luogo e del dolore delle persone. A Prima Porta ci ha colpito la tomba di una ragazza morta giovane di malattia, la famiglia inconsolabile realizzò per lei una tomba speciale, grande, molto toccante. Ogni tanto vado a visitare i miei cari, uso l’auto, anche se ci sono andato con la moto e una volta con la bicicletta, porto dei fiori, do una pulitina, ho nascosto una spugnetta dietro il portafiori, ci sono delle scope e raccolgo quello che mi cade quando sistemo, sotto c’è un’altra persona a volte mi cade qualche foglia e raccolgo non so se sistemare non è mia parente, trovo sempre grande conforto.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome