Home CRONACA Prima Porta, horror e degrado al cimitero Flaminio

Prima Porta, horror e degrado al cimitero Flaminio

cimitero flaminio reparto crematorio

Bare saccheggiate, salme cremate per errore, furti di fiori, scippi agli anziani, sporcizia, … le cronache degli ultimi anni sono piene di titoli sul cimitero Flaminio di Prima Porta.

Non c’è giorno che in una redazione dei tanti quotidiani romani non arrivi una segnalazione sul  degrado, sui disservizi, sulla mancanza di sicurezza. Non c’è giorno che non esploda la rabbia di chi non trova più il vaso di rame dove mettere i fiori, di chi trova la tomba di un proprio caro sommersa dalle erbacce, di chi subisce un furto. Per non parlare di chi debba cremare un defunto.

Sulla spinta delle tante segnalazioni giunte sia in Comune che in XV Municipio, lo scorso martedì 20 settembre è stato effettuato un sopralluogo. A toccare con mano la realtà, accompagnati  dai responsabili dei servizi cimiteriali dell’AMA e della società di servizi, sono stati l’Assessore capitolino all’Ambiente Paola Muraro, il presidente del XV Municipio, Stefano Simonelli e l’Assessore municipale all’Ambiente Pasquale Annunziata.

Fin da subito si sono rese evidenti una serie di mancanze – dichiara a VignaClaraBlog.it l’assessore Annunziata –in primis la mancanza assoluta di sorveglianza“,  ma i responsabili dell’AMA hanno fatto sapere che è stata effettuata una gara per l’acquisto di telecamere a circuito chiuso da utilizzare all’ingresso del cimitero e in alcune zone interne. Si provvederà anche alla sostituzione delle colonnine SOS attualmente fuori uso.

Abbiamo rilevato anche uno stato dei luoghi non puliti e curati e una totale carenza di igiene“. Ed infatti molti servizi igienici sono risultati fuori uso o addirittura murati mentre il sistema per riversare i fiori appassiti dai piani superiori al pian terreno non funzionava causando così l’accumularsi di fiori marciti nel cortile con un olezzo poco gradevole.

Ma è stata la situazione del reparto di cremazione a far rizzare i capelli. Qui si raggiunge l’apice, la descrizione che ci fornisce l’assessore Annunziata ha dell’horror.
Un odore nauseabondo accoglie i visitatori, manca un luogo dove i parenti possano dare l’ultimo saluto ai propri cari,  l’unico ufficio è pieno di piccole urne buttate su un divanetto, l’igiene è latitante, nei locali vi sono decine di bare in attesa di essere cremate. Per non parlare dei tempi di attesa che da contratto non dovrebbero superare i sei giorni ma che quasi regolarmente si allungano fino a  dieci.

Si tratta – conclude l’assessore – di un impianto privo della più basilare parvenza di umanità. Alla luce di tutto questo senz’altro verrà effettuato un secondo sopralluogo e questa volta…. senza preavviso“.

Claudio Cafasso

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. Si alcuni problemi esistono da anni, ma il degrado è aumentato e la situazione è inaccettabile. Spinta anche dal post su VCB ieri sono andata dopo molto tempo a Prima Porta, niente acqua dai rubinetti, molte lampade spente, comprese quelle dei miei genitori, per i quali ho regolarmente pagato il canone.

  2. È vergognoso constatare che, ladri barbari,agiscano indisturbati rubando fiori sulle tombe dei defunti….oggi il vaso dei fiori della tomba di mia madre era completamente vuoto,sono distrutta dal dolore ,un servizio di vigilanza efficiente è utopia??

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome