Home ARTE E CULTURA Li tre giorni der Tevere, ‘na piena annunziata

Li tre giorni der Tevere, ‘na piena annunziata

Un Vernacolo tutto speciale quello di oggi, interamente dedicato alla piena che nella settimana appena trascorsa è stata al centro dell’attenzione. Con li tre giorni der Tevere ne ripercorriamo dunque la cronaca a livello locale: sette quartine in stretto dialetto romanesco e un pizzico di ironia. L’autore, Sor Berti, e la redazione augurano buona domenica.

.
Martedì se tengheno d’occhio li fiumi,
‘r Tevere e l’Aniene sorvejati speciali;
l’acqua principia a cresce, santi numi:
preparate zattere, cibbarie e gammali.
Martedì

Martedì sera, ecco ggià ‘i probblemi:
tre barconi a zzonzo metteno pavura;
nottata ‘n bianco, de lavoro e patemi,
de Ponte Mollo se decide ‘a chiusura.
Martedì sera

Prima der picco, mercoledì ar matino,
er traffico ha vinto, trionfato, stravinto;
Ddu’ Ponti e Flamina sò ‘n gran casino
e inortre se chiude viale Tor de Quinto.
Mercoledì matina

Si er sole è ggentile, l’acqua è boriosa:
s’allagheno sottopassi e circoli sportivi,
er bbionno fiume davero nun se riposa,
pe’ Ponte Mollo ecchite l’attimi decisivi.
Mercoledì, tarda matinata

Man mano che s’appropinqua ‘a piena,
s’affacceno nummerosi inzù ‘r parapetto,
ma quarcuno coi commenti nun se frena:
incora danni, ariva er sinnaco Giannetto!
Mercoledì, er primo pomeriggio.

Mercoledì de sera, puro si nun è finita,
s’attenueno preoccupazzione e pavura,
pare che ‘a parte peggiore sii ormai ita,
ma li cani nun anneranno ‘n villeggiatura.
Mercoledì sera

Er muncipio è chiuso, nisuno cià avvertito!
Epperò che li piani bbassi s’ereno allagati
ce stava scritto a chiare lettere inzù ‘r sito:
se navigava! E lei nun naviga, eh Torquati?
Giovedì

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome