Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 4 novembre

Li sette giorni der 4 novembre

Spulciando fra le notizie dell’ultima settimana, anche questa volta sor Berti, di professione vernacoliere, ha colto le più cliccate, le più interessanti o curiose, dedicando loro una quartina in stretto dialetto romanesco. Sette quartine per sette giorni: è il Vernacolo di VignaClaraBlog.it, con il quale la redazione augura buona domenica.

A via der Nuoto, er mago perfetto
dovrebbe facce a tutti ‘a gentilezza,
invece de fà scomparì ‘r cassonetto,
de renne latitante solo ‘a monnezza.
Er Copperfield de noantri

Cor tempo bbrutto pare inevitabbile
che s’accasci ‘n pino a via Zandonai,
raggione p’a quale sembra papabbile
‘r cammio der nome ‘n via Z’andovai.
Pino cascato, strada sbarata

Ariopre ‘a galleria de papa Giovanni,
se spera nun ce siino incora chiusure
e che s’arivi a domicilio senza affanni
e puntuali pe’ la carezza a le creature.
‘Ariopre ‘a galleria Giovanni XXIII

Cash trapping, capita a Vigna Clara,
però che voi che sia, è solo robbetta,
nun esse troppo schizzinosa, eh cara:
è solo ‘n uso impropio de la forchetta.
Ar bancomat è solo mancanza de bbonton

A chi cià dubbi amletici ner municipio
arisponne Polonio, scena tre atto uno:
ortre che amà tutti quanti, in principio,
fidate de pochi e nun fà male a nisuno.
Dubbi amletici ner municipio XX

Più de quarche dimanna impenzierita
se pone puro er concijere Calendino:
ma, invece de ‘sta clamorosa sortita,
nun poteva utilizzà solo er telefonino?
Sor Calendino esterna

Si dì quarcosa coi fiori cià significato,
allora è lapalissiano che ‘a municipale,
che più de quarchiduno ha denunziato,
nun ha, certamente, interpretato male.
Er racket der caro estinto

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome