Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 5 agosto

Li sette giorni der 5 agosto

Quali sono le sette notizie più curiose od interessanti uscite sulle nostre pagine negli ultimi sette giorni? Ce le ricorda sor Berti, il vernacoliere di VignaClaraBlog, con queste sette quartine in stretta parlata trasteverina. Un modo scanzonato per ripercorrere gli avvenimenti della settimana appena trascorsa. Buona domenica.

Ariccontame, o pendolare, de ‘sti treni
che ‘gni santo ggiorno te fanno tribbolà,
scucennote dar petto insurti senza freni
e posticipanno a Itaca er sacro aritornà.
2012: Odissea sur treno pe’ Viterbo.

Come presidente de ‘sta commissione,
sostengo che ‘ste sale co’ le machinette
sò troppe, cianno esaggerata diffusione,
e si nun ce credete, volemo scommette?
Er sor Pandolfi riguardo a le case da ggioco…

Quarchiduno insiste che ‘r riposo eterno
è, in finale, praticamente l’unica sarvezza,
ma, detto papale papale, scergo l’inferno
si l’arternativa è fà ‘i ceci co’ ‘a monnezza.
Riposeno ‘n pace…fra la monnezza.

Sbajava, e de grosso, quer fregnacciaro
che diceva: “nun piove manco ‘na vorta”.
Sicuro je sfuggiva quer fiume, paro paro,
che sgorgava copioso in zona La Storta.
Piove…ma no dar celo!

Er borgo de Cesano ciarigala l’emozzioni
solamente si resta ‘n piedi, che tormento!
E io provo sur serio ‘e stesse sensazzioni
ner mentre quelli der piddì ciancicà sento!
Der borgo de Cesano e artri crolli…

Giurerei, ma no inzù ‘a capocciaccia mia,
d’avè veduto de noantri ‘r primo cittadino
che venerdì, in nottata, veniva portato via
doppo essese tracannato ‘n fiasco de vino.
Er sinnaco e ‘r vino.

Resteno operti commercianti e artiggiani
e offreno a li clienti soluzzioni tempestive;
speramo che lasseranno a riposo le mani
quei professionisti de l’affissioni abbusive.
Agosto: gnente serrata!

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome