Home ATTUALITÀ Roma, movida: il TAR Lazio convalida l’ordinanza anti alcol

Roma, movida: il TAR Lazio convalida l’ordinanza anti alcol

Il Tar del Lazio ha respinto la richiesta, avanzata dalla società Caffè Mameli, di sospensione dell’efficacia dell’ordinanza anti alcol emanata dal sindaco Gianni Alemanno il 30 marzo e successivamente integrata lo scorso 13 maggio (leggi qui). Il tribunale amministrativo ha così riconosciuto l’esistenza dei presupposti di urgenza e contingibilità dell’ordinanza, dettata da fatti “connessi a comportamenti aggressivi e violenti – si legge nel provvedimento del Tar – dipendenti dal consumo di bevande alcoliche al di fuori degli esercizi commerciali”.

“Il pronunciamento del Tar dimostra il valore del nostro provvedimento”. Così a caldo commenta la notizia il sindaco Alemanno. “È inoltre un segnale importante per continuare a garantire nel miglior modo la sicurezza dei cittadini, rafforzando la nostra capacità d’azione nella tutela dell’ordine pubblico salvaguardando allo stesso tempo il diritto di tutti coloro che scelgono le strade della movida romana per divertirsi”.

“La decisione del Tar conferma quanto già espresso in un parere dell’Avvocatura capitolina” gli fa eco il capo dell’avvocatura di Roma Capitale, Andrea Magnanelli.”La sentenza n. 115 della Corte Costituzionale (clicca qui) non comporta in modo automatico il venir meno delle ordinanze del Sindaco – conclude Magnanelli – in tema di sicurezza e ordine pubblico. Queste devono invece essere esaminate caso per caso”.

Anche Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale, esprime viva soddisfazione per la decisione espressa dal Tar che ritiene “una vittoria per i residenti delle zone della movida che vivono sulla propria pelle le ripercussioni dell’eccessivo consumo di bevande alcoliche in strada, causa di una cultura dello sballo che va combattuta a livello sociale e culturale”.

Annuncia poi che “alla stregua di quanto previsto in tutte le capitali europee”, presenterà a breve una proposta di delibera affinché il divieto di consumo di bevande alcoliche in talune strade possa essere inserito all’interno del Regolamento di Polizia urbana.
“Varare una norma in tal senso – spiega Santori – consentirebbe di arginare il problema in via definitiva, poiché l’ordinanza è un provvedimento contingibile e urgente caratterizzato dalla temporaneità che ogni anno viene reiterato solo dopo l’accadimento di gravi eventi o a seguito della disperazione dei residenti”.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome