Home ATTUALITÀ Cantiani (PdL): XX Municipio laboratorio politico di alto profilo, dal PD inutili...

Cantiani (PdL): XX Municipio laboratorio politico di alto profilo, dal PD inutili allarmismi

A seguito della conferenza stampa del gruppo PD del XX Municipio tenutasi mercoledì 27 aprile (leggi qui), a difesa dell’operato dell’amministrazione municipale un altro consigliere PdL capitolino, dopo l’intervento di Ludovico Todini (clicca qui), ha deciso di scendere in campo. Si tratta di Roberto Cantiani che nel suo comunicato definisce il XX Municipio “un laboratorio politico di alto profilo” e bolla il PD come “capace di creare solo allarmismi”.

“Non finisce mai di stupire la capacità del PD di creare inutili polveroni mediatici – dichiara infatti Cantiani – addirittura organizzando una conferenza stampa nella sede del XX Municipio dando irresponsabilmente seguito ad allarmismi fuori luogo oltreché inesistenti. Il XX Municipio, guidato dal presidente Gianni Giacomini, si è dimostrato un laboratorio politico di alto profilo, riuscendo a realizzare la quasi totalità del programma elettorale votato dai residenti e superando a pieno la prova sul territorio”.

“Solo per citare alcuni successi dell’amministrazione municipale, ricordiamo gli sgomberi degli insediamenti abusivi portati a compimento sull’ intero territorio di competenza, o la risoluzione di ataviche problematiche come la bonifica di via Mastrigli e via Gradoli che da tempo preoccupavano i cittadini del municipio. Un impegno sul profilo della sicurezza e del contrasto al degrado che ha visto coinvolti tutti i soggetti politici, dal presidente Giacomini agli assessori e consiglieri.”

“Ricordiamo inoltre che in quindici anni di amministrazione di sinistra della Capitale – incalza Cantiani – non vi è stata alcuna opera pubblica finanziata dal Comune che ricadesse nel XX Municipio, e già questo basterebbe a mettere a tacere le illazioni dell’ opposizione.”

“Di fronte a questi fatti concreti, il solito grido di “al lupo al lupo” del Pd resterà sicuramente inascoltato, perché proviene da quella parte politica che su Roma ha fallito con le sue scelte, e continua a essere ben distante dalle vere esigenze dei residenti che si misurano soprattutto in base alla presenza reale e alla vicinanza ai cittadini, che così – conclude Cantiani – hanno modo di osservare e misurare l’ operato dell’amministrazione”.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. ….A Cantià… facce ride… 😀
    il “laboratorio politico di alto livello” di Giacobini ha prodotto (solo recentemente): chiusura della strada collegamento S.Andrea/via Grottarossa, chisura-apertura-richiusura (solo in 2 giorni) della Cassia Antica, chiusura con successivo dietro-front di via della Farnesina, interruzione di servizi di Ippoterapia all'”Auriga” e affidamento diretto ad altri…, record di abusivismo edilizio di Roma, il finto Monsignore autorizzato a mettere cassonetti abusivi, Casetta di via del Podismo affidata ad associazione e servizio MAI svolto, Consigli municipali disertati dalla maggioranza, sparatorie ad un consigliere, telecamere per la sicurezza (tanto reclamizzate) non collegate con le forze dell’ordine, strada di villa di Livia chiusa da 6 mesi con paralisi della viabilità a Prima Porta, fiorai abusivi al Cimitero che imperversano, e, dulcis in fundo…. moltissime richieste per farsi trasferire del personale, ben 6 !! Direttori cambiati in soli 4 anni, dirigenti che vanno e vengono (e quando arrivano scappano dopo una settimana….) ecc.ecc.

  2. Con riguardo a Via Gradoli, sono possibili le seguenti ipotesi:
    1) Cantiani non sa di cosa parla;
    2) Cantiani sa, ma fa finta di non sapere.

    Qualora non sapesse, il Comitato è disposto volentieri ad incontrarlo per renderlo edotto in proposito.

  3. Riguardo alle ipotesi formulate da Carlo, propendo decisamente per la prima.
    Ribadisco la piena disponibilità del Comitato.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome