Home ARTE E CULTURA Il Vernacolo di VignaClaraBlog.it: Li sette giorni der 3 Aprile

Il Vernacolo di VignaClaraBlog.it: Li sette giorni der 3 Aprile

Lui legge, medita, rimurgina le notizie e le mette in versi per sei giorni di fila, dal lunedì al sabato. Poi, la domenica, esonda. Di chi parliamo? Ma del nostro sor Berti  perbacco, il vernacoliere più noto di Roma che ogni settimana vi ripropone con sette quartine in romanesco le sette notizie più interessanti degli ultimi sette giorni. Buona lettura e buona domenica. 

Se ciancica e s’ariciancica incora, co’ rinnovato pijo,
de omicidi senza responsabbile scritti drento l’annali;
nisuna traccia de dna riscontrata ne l’aula der concjo
ma su li moduli spese ‘n fracco de impronte diggitali!
Delitti nun risorti e nummero legale

Aritorna, come ‘na rondinella che nun fà primavera,
l’ordinanza der sor Giannetto contro le bire e li vini;
sor sinnico, ma se tratta de ‘na cosa senzata e vera
si te poi scolà de tutto e puro de più ne li viali vicini?
Er proibbizzionismo der sor Giannetto

Aridaje! Nun lo vojo cambià der telefono er gestore
e nun le compero, le mutanne, le camicie o le borze!
Quanno poi richiamà? Te lo scrivo co’ tutto er core:
l’anno der mai, er mese der poi, er giorno der forze!
Er telefono e la reclame

Sì: se va a zonzo drento ar verde der parco de Vejo!
Li pascoli, li panorami: tutto evocativo e morto bello;
er vernacoliere propone ‘n itinerario che è assai mejo:
‘na visita guidata a la discarica abbusiva de Formello!
Passeggiate ner parco de Vejo

Sor Giannetto, sor Presidente, atac: no tutti inzieme!
Ponno puro aspettà le luci verde, rosso e arancione,
mica c’è premura, in via Bragaja c’è sortanto speme
che nun ce rimetti la pellaccia er marcapitato pedone.
Lo scaricabbarile de via Bragaja

Daje, dì trentatrè si hai superato cinquanta primavere,
er camper co’ li dottori pe’ visitatte t’aspetta de sotto;
e si la cosa te pò sconfinferà, una de le prossime sere
‘sti ddu’ nummeri, ahò nun se sa mai, giocheteli al lotto.
33 e 50: ambo su la rota de Roma

‘Na vorta giocà a pallone era ‘n affare de sentimento,
li carciatori a la casacca da amore fonno ereno legati;
mò che hai finito la partita, chiuso er mortal cimento,
che la tera sii lieve e ‘r celo biancoazuro, Bob Lovati.
Addio a Bob Lovati

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome