Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 23 Maggio

Li sette giorni der 23 Maggio

Torna dopo una breve pausa il Vernacolo di VignaClaraBlog.it. E’ l’appuntamento domenicale delle 12.00, perchè subito dopo il colpo di cannone dal Gianicolo sia il rombo dell’ironia del nostro sor Giovanni Berti a richiamare la vostra attenzione.  Su cosa? Sulle notizie più interessanti dell’ultima settimana. Ecco, in stretto dialetto romanesco, sette quartine: una per ogni articolo più “chiacchierato” degli ultimi sette giorni.

Arieccome: l’attualità impone propio de oprì co’ ‘sta quartina:
la decisione drastica decreta la fine de la sperimentazzione!
In Via Cassia Antica aritorna tutto tale e quale – come prima –
e la centralina de Corso Francia arivincerà la competizzione!  (leggi qui)

La sede der municipio de noantri se ammanta de misteri:
è tutto un cori cori, propio un giallo, è un gran marasma;
cantava sor Vasco: come le star se troveranno li concijeri
a beve der whisky o ‘na cedrata dar frigo bar fantasma ?   (qui)

A proposito de fantasmi, sabbito passato li potevi vede:
Villa Stuart e le vicenne de un re esiliato senza scettro;
me dica ‘na cosa, sor Preside’, riguardo a la citata sede:
a via Flaminia va ancora de moda er concijere spettro?  (qui)

Addietro a l’istituto, la machina, come semenza, sarà interata
e, quanno che d’oprì er parcheggione inzomma giungerà l’ora,
se potrà affermà che pe’ la maravijosa riserva de l’Insugherata
ce guadambierà er panorama, sarvata essenno inzino la flora?   (qui)

Se acchitta ‘na staggione estiva piena zeppa de smaneggi,
lo comunica co’ pompa magna er sinnaco, er sor Giannetto;
afferato, Romoletto? Ner mentre che spaparanzato villeggi
copreno le bùcie e der manto stradale aggiusteno l’assetto!   (qui)

S’ha da campà come li personaggi der testamento vecchio
pe’ potè esse vivente testimogno de un intevento risolutivo:
diec’anni sò pochi, pe’ li tempi biblici, nun è mica parecchio:
un battito de cija e va via (e aritorna) er chiosco abbussivo!   (qui)

Dumila anni e spicci, sopra e sotto le arcate tua passa la storia,
te se bagnato solo li piedi, mannata fino ar mare ‘n’antra piena;
ce guardi co’ l’occhi savi e generosi, senza ‘n’anticchia de boria:
sor Ponte Mollo, in sempiterno padrone indiscusso de la scena!  (ed infine qui)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome