Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 21 marzo

Li sette giorni der 21 marzo

Sor Giovanni Berti ci tiene a dire che ner primissimo giorno de la staggione de primavera, in versi romaneschi quarche quartina ve proponemo. Favve cosa gradita è decisamente ciò che se spera, quanno puntualissimi a l’appuntamento se rivedemo….  ed infatti sono le 12 in punto, si è appena spenta l’eco del cannone del Gianicolo: è l’ora del Vernacolo di VignaClaraBlog.it.

Continueno l’Olimpiadi invernali lungo tutta via Nemea:
ortre a lo slalom speciale, artre eccitanti competizzioni;
causa smaneggi, ‘sta strada pe’ li sport c’ha la nomea
e li veicoli praticheno er bob a due assieme a li pedoni. (clicca qui)

Quante possibbilità ce stanno de incontrà li marziani?
E’ ‘na dimanna che se ponemo arimanenno seri seri;
Forze è successo ner passato, forze capiterà dimani:
è sempre più facile che beccà riuniti in aula li concijeri!   (qui)

Ahò, sbajà è umano ma perseverà è opera der maligno,
accosì su via Farnesina mutata è l’idea der sor Scipione
e, puro si in maggioranza quarchiduno lo guarda arcigno,
er concijere der senzo unico spunta inzomma l’inverzione.  (qui)

Maravijosa su la rete arispunta Roma nostra de ‘na vorta,
rigalo inaspettato e delizzioso der diffuso network sociale;
accosì ricicceno istantanee de Ponte Mollo e Prima Porta
e de la vita e de li tempi annati la dorce nostargia c’assale.  (qui)

“Pronto, cittadino caro, me riconosci? Sò er vernacoliere!
Te lo dico drento l’apparecchio: sto in lizza pe’ l’elezzioni
e coro pe’ la lista “sorisi a Roma Nord”, gran ber mestiere!
Attaccherò li manifesti abbussivi, come tutte le fazzioni?”   (qui)

 

 

 

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome