Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 7 Marzo

Li sette giorni der 7 Marzo

Er sor Giovanni Berti è puntuale come ‘na cambiale si sarebbe detto qualche decennio fa, prima che i finanziamenti prendessero il posto delle cosiddette “farfalle”…  e leggedro (si fa per dire) come una farfalla ma irruento (come sempre) con le sue quartine in versi romaneschi, eccolo che arriva anche oggi, alle 12 in punto, a fare il verso  alle notizie più interessanti della scorsa settimana per la rubrica Il Vernacolo di VignaClaraBlog.it. 

Se intoppeno le machine in movimento a La Storta:
er ristorante a stelle e strisce crea ‘na gran caciara,
li righezzetti de panini e patatine fritte fanno scorta:
Don Quiri’, je lo dica lei: è mejo ‘na santa carbonara!  (leggi qui)

Maneggia carta, penna e calamaro er sor Derenti,
pe’ scrive che ha cammiato idea su Simone Ariola;
pe’ esperienza passata semo addiventati diffidenti:
addietro le mielose parole se annisconnerà la sola? (qui)

Frigoriferi, cessi, passeggini, puro le tavole de legno,
‘na carcassa de ‘na machina, du’ tivvù abbandonate:
centosessanta sacchi de monnezza, gran impegno!
Tanto de cappello pe’ chi le maniche s’è rimboccate.  (qui)

Ne la storia sua, Ponte Mollo n’ha viste de tutti li colori:
garibardini, Costantino, innammorati in crisi de pianto;
co’ noantri ha spartito gioje, condiviso pavure e dolori,
e cor pijo consueto camperà più de lo zozzo amianto!  (qui)

Ecco er piano pe’ scongiurà lo scempio ambientale:
pe’ l’Olimpiadi se acchitta tutta la documentazzione,
se metteno timbri e bolli, uno smaneggio mica male,
eppoi tutto quanto er pappiè se affida ar sor Milione!  (qui)

Archeologgia a l’incrocio tra via Cassia e li Du’ Ponti!
Dietro ar piccolo centro commerciale scovi er tesoro:
‘n’inzegna tutta aruzzata, er tempo mica fa li sconti,
e la cabbina de la SIP a du’ piazze de l’epoca d’oro!  (qui)

Sotto l’elezzioni, li politici vanno in fissa pe’ la parete!
Si è sgombra e spazziosa, loro se fregheno le mano:
solo a riempilla der cognome loro, je se placa la sete,
in nojantri accrescenno l’appetito der decoro urbano. (qui)

  *** riproduzione riservata ***
Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome