Home ARTE E CULTURA Li sette giorni der 3 gennaro

Li sette giorni der 3 gennaro

 In stretto dialetto romanesco torna anche questa domenica l’appuntamento con il Vernacolo di VignaClaraBlog.it, il riepilogo delle notizie degli ultimi sette giorni così come scaturisce dalla penna e dalla sottile ironia di Giovanni Berti.  Per ricordare sorridendo gli argomenti più discussi dell’ultima settimana.

 Se dice che l’Epifania tutte le feste se porta via,
accosì acchitta li rigaletti puro er sor Giacomini:
pajacci e animatori er sei gennaro a la Fattoria,
faranno amancà er nummero legale li regazzini? >>>

Ner mentre che er concijo se convoca du’ vorte,
passeno le feste de Natale ed entra l’anno novo.
Der Presidente Ariola se deciderà infin la sorte?
Mejo de no! Un argomento accosì andò lo trovo? >>>

Oggi ce scriveno de tutto e serreno er lucchetto,
ce fanno puro la reclame der moderno macinino.
Er Ponte Mollo meriterebbe cura e più rispetto:
la storia sua risale perlomeno fino a Costantino! >>>

Sor Semprogno, questi sò sur serio tempi insani,
se la Costituzione la riscrive un amministratore.
Nun ce penza er Cavajere oppure er sor Bersani,
me sà che in via Gradoli serve anche er dottore! >>>

Se frega le mano er palazzinaro, accosì contento
ar penziero de inzeppà de alloggi tutta la collina.
L’area verde nun rende mica, mejo er cemento,
sentenzia la filosofia sua e bonanotte a l’aria fina! >>>

Quarchiduno a fà promesse s’era un dì azzardato:
“co’ la rete se pò fà ogni cosa, sparischeno le code”.
Ma se te serve er documento novo o er certificato
ancora te devi mette in fila e ‘n tantino te ce rode! >>>

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome