Home CRONACA Osteria Nuova, “strane manovre” per i Comitati Per il No al Biodigestore

Osteria Nuova, “strane manovre” per i Comitati Per il No al Biodigestore

no-biodigestore
Galvanica Bruni

Nella mattina di sabato 15 ottobre i Comitati Per il No al Biodigestore si sono incontrati sul sito della discordia, quello conteso al Comune di Roma e AMA che hanno deciso di costruire un Biodigestore da 100mila tonnellate annue fra Cesano e Osteria Nuova; un impianto che produrrà metano dai rifiuti organici inserito all’interno del “Piano gestione rifiuti 2022-2030 presentato dal Sindaco di Roma Roberto Gualtieri.

Scelta ritenuta errata dai comitati del NO che la considerano, queste le loro parole, “un vero e proprio scempio perpetrato nei confronti dell’agricoltura locale ma ancor di più della popolazione residente in zona che denuncia da tempo già molte altre attività a forte impatto ambientale a danno dei territori insistenti nello stesso quadrante, quello composto da Osteria Nuova, Cesano, Anguillara e Olgiata”.

I Comitati proprio pochi giorni fa hanno depositato a tale proposito le loro osservazioni/opposizioni circa la scelta del sito del Biodigestore e ora sono in attesa di conoscerne l’esito.

“Di contro – dicono i comitati – si sono potute constatare a vista manovre di riperimetrazione sul campo e si è notato da almeno due giorni un prefabbricato posto in loco che lascia pensare ad un imminente avvio dei lavori senza però che ne sia stata data comunicazione ai diretti interessati che condannano questa condotta ‘carbonara’. Per questo motivo – concludono – siamo scesi di nuovo in piazza”.

Perché NO al biodigestore a Cesano-Osteria Nuova

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome