Home POLITICA Chirizzi (PD): “Scuole del XV a pezzi. Servono fatti e non chiacchiere”

Chirizzi (PD): “Scuole del XV a pezzi. Servono fatti e non chiacchiere”

comunicato-stampa

“Le nostre scuole sono a pezzi, come del resto buona parte del patrimonio pubblico, dalle case comunali agli edifici dell’amministrazione, per non parlare della drammatica condizione delle strade”.

Così scrive in una nota Luigina Chirizzi, consigliera PD in XV Municipio, ricordando che “solo alcuni giorni fa si è verificato un incidente presso la scuola materna “il Trenino” a Labaro: il cedimento e la caduta di una porta in ferro, da tempo in condizioni precarie e prontamente segnalate da parte del personale docente, solo per puro caso non ha procurato danni ai bambini”.

“Il corto circuito dell’asilo nido di Via Bellagio è solo l’ultimo episodio che dovrebbe finalmente far riflettere l’Amministrazione sull’opportunità di aggredire il problema della manutenzione, individuando le opportune risorse e riorganizzando gli uffici affinché in tempi brevi sia possibile spendere”.

“Serve passione, dedizione e competenza. E meno chiacchiere, da parte di tutti” incalza Chirizzi sostenendo che “La Sindaca Raggi e il Presidente del Municipio Simonelli governano da due anni e oramai anche loro iniziano a far parte del passato inglorioso che costantemente invocano per giustificare ritardi e mancanze. Due anni sono un tempo congruo per riorganizzare la macchina amministrativa e far intravedere la direzione verso la quale si vuole portare la città. Se è vero che l’asilo di Via Bellagio è da anni in condizioni precarie e, come dichiarato dall’Assessore Russo, le uniche le risorse disponibili erano dedicate essenzialmente all’adeguamento alla normativa antincendio e non alla messa in sicurezza dei locali, è tuttavia evidente la responsabilità di questa amministrazione nel non riuscire a monitorare con efficacia le condizioni del patrimonio che ha in gestione e quindi a prevenire incidenti che si stanno verificano sempre con maggiore frequenza”.

Per Luigina Chirizzi, stante questa situazione, “Occorre dunque ridefinire le priorità, adeguare il lavoro degli uffici all’emergenza che stiamo attraversando e, se necessario, aprire una vertenza territoriale nei confronti del Campidoglio affinché vengano individuate le risorse, economiche e umane, necessarie alla messa in sicurezza delle scuole. Diversamente – conclude – la triste alternativa è chiudere tutto, ma non dobbiamo assolutamente arrivare a questo”.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. La disperazione e lo sconforto due stati dell’animo riconoscibili attraverso le parole della consigliera del PD, probabilmente poco attenta a quello che le accade intorno, una levata di popolo che sfida le regole e si produce ormai da qualche anno in interventi diretti come nel caso del Giardino degli Atleti.
    Non difendiamo chi si difende benissimo da solo, l’attuale governo del Municipio XV, s’invita a fare mente locale sui cambiamenti che ci sono e sono reali, noti anche alla Consigliera del PD.
    Cambiamenti di impostazione che devono essere seguiti perché autodeterminati da una lunga serie di esperienze e vicissitudini.
    Coesistere come vogliono gli Italiani comporta attenzioni, “passione, dedizione e competenza”.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome