Home PRIMA PORTA Prima Porta, via Inverigo chiusa da 50 giorni. Chirizzi: “Uno scandalo”

Prima Porta, via Inverigo chiusa da 50 giorni. Chirizzi: “Uno scandalo”

Via Inverigo
Via Inverigo chiusa

Un gran rumore e poi lo schianto. Erano circa le 22 di lunedì 25 settembre quando un pino di grandi dimensioni ubicato nel condominio di proprietà comunale di Via Inverigo 22/24, a Prima Porta, si è abbattuto al suolo.

Paura dei residenti ma la fortuna o il caso hanno voluto che in quel momento di lì non passasse nessuno, anche se la via è molto frequentata.

Da allora sono trascorsi cinquanta giorni ma la strada è sempre chiusa al traffico e chi vi abita si chiede per quanto tempo ancora deve durare questo disagio.

A farsi portavoce del forte malumore degli abitanti di Prima Porta è Luigina Chirizzi, consigliera PD in XV Municipio, che ha un forte radicamento sul territorio.

Non torno sul fatto che si poteva evitare: avevo segnalato da oltre un anno la pericolosità del pino caduto in via Inverigo. Pare ce ne siano altri per i quali sarebbe meglio intervenire” sottolinea l’esponente PD sostenendo che “nel frattempo la giunta municipale targata 5 Stelle, non contenta del danno arrecato al quartiere di Prima Porta, perde tempo a discutere con la giunta comunale targata 5 Stelle su chi debba intervenire. Anche qui abbiamo provato a dare una mano, ricordando che l’ articolo 69 del decentramento amministrativo stabilisce che la competenza sia del Municipio. Pare tuttavia che non ne vengano a capo“.

Il risultato è – conclude Chirizzi – che né il XV né il Comune intervengono. Via Inverigo rimane chiusa e i cittadini continuano a subire i disagi derivanti dalla totale e sempre più evidente incapacità amministrativa. Uno scandalo“.

Visita la nostra pagina di Facebook

Via Inverigo, Roma, RM, Italia

3 COMMENTI

  1. Nel nostro Municipio e tutto un disastro: Via Macherio al buio da 2 settimane, Via Salk con tutta la Via sporca, piena di fango, tombini chiusi da foglie buste en aghi di pino in attesa della prossima pioggia. Cassonetti pieni, strisce pedonali non visibile come in Via Clauzetto per dirne una ecc. Volevamo un cambiamento abbiamo dato fiducia come Municipio a un certo partito ( non possono più dire che non lo sono) e le cose invece di migliorare sono peggiorate!

  2. Direi che la situazione sfiora l’inverosimile e quasi sembra una delle scene narrate da Pirandello (che ricordiamo in questi giorni in occasione dei 150 anni dalla sua nascita): per quanto è tragica fa ridere. Per arrivare a Prima Porta dobbiamo fare la circumnavigazione della Marana sperando che in quel momento non ci sia un mezzo pesante che deve impegnare la mezza Via Inverigo aperta al pubblico bloccando così tutto. Quando finirà questo calvario e, soprattutto, quando il buon senso comincerà a prevalere sugli interessi personali o dei partiti?

  3. …l’ articolo 69 dice esattamente quel che scrive Luigina Chirizzi,
    ma servirebbe dimostrarare di chi sia la proprietà di tale spazio per individuare il soggetto che deve pagare la messa in sicurezza…
    non mi sembra difficile

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome